Fonte: Ufficio Stampa Comune di Cesena

Il Vescovo ha condiviso con tutti i presenti il Messaggio che Papa Francesco ha scritto per la 57esima Giornata Mondiale della Pace

Anche quest’anno, in vista del Natale e in occasione dell’ultima seduta del 2023 del Consiglio comunale di Cesena, una delegazione del Masci (Movimento Adulti Scout Italiani) e una rappresentanza dell’Associazione Guide e Scouts Cattolici Italiani (AGESCI) hanno portato a palazzo Albornoz, sede del Comune, la “Luce da Betlemme”, simbolo di pace e fratellanza che per tradizione viene distribuita sul territorio europeo. L’incontro si è svolto nella Sala degli Specchi del Comune alla presenza del Sindaco Enzo Lattuca, del Vescovo della diocesi di Cesena-Sarsina S.E. Douglas Regattieri, della Presidente del Consiglio comunale Nicoletta Dall’Ara e dei componenti della Giunta e del Consiglio.

“Nel corso di questi cinque anni – ha commentato il Sindaco Enzo Lattuca – le difficoltà non sono mancate affatto. Nonostante questo, la nostra città ha saputo superare questi momenti all’insegna dell’unità e dell’aiuto reciproco. Anche l’ultima tragica esperienza che abbiamo vissuto nel mese di maggio ci ha insegnato che il problema di chi ci sta accanto è risolvibile solo se lo si affronta insieme. Abbiamo il dovere di metterci a disposizione di chi è in difficoltà e, in questo senso, siamo raggiunti da quotidiane testimonianze di altruismo, più nascoste e meno plateali, ma non meno sincere”.

Da parte sua il Vescovo ha condiviso con tutti i presenti il Messaggio che papa Francesco ha scritto per la 57esima Giornata Mondiale della Pace, che si celebrerà il 1° gennaio 2024. “Uno degli scopi del Consiglio comunale – ha commentato il presule rivolgendosi ai presenti – è di lavorare per tutti e per l’armonia della comunità di riferimento. L’arrivo della ‘luce di Betlemme’ è una bella occasione che ci dà modo, annualmente, di incontrarci e di scambiarci un augurio di serenità e di pace, da allargare alle rispettive famiglie. Auguro a tutti i consiglieri comunali di contribuire ancora a edificare e costruire questa società, a guidare gli uomini di oggi”.

La Presidente del Consiglio si è unita agli auguri e ha ribadito l’importanza della luce di Betlemme. “Questa luce – ha detto – arriva direttamente da Betlemme, dalla chiesa della Natività dove c’è una lampada che brucia con l’olio che viene donato da tutte le nazioni del mondo. È un simbolo di pace e fratellanza tra i popoli e tra le persone, arrivato in città nella giornata di sabato. In questo ultimo anno l’alluvione ci ha messo a dura prova. Proprio in questa occasione abbiamo dimostrato di essere una comunità e insieme siamo ripartiti. Oggi più che mai c’è davvero bisogno di messaggi di pace e serenità”.