Fonte: Ufficio Stampa Comune di Cesena

Organizzata nell’ambito delle iniziative promosse dall’Associazione internazionale “Le Vie Leonardo Da Vinci” e dedicata al rapporto di Leonardo con l’acqua

Pochi altri giorni ancora. La mostra “Leonardo e le forme dell’acqua” inaugurata sabato 1° luglio alla Rocca Malatestiana di Cesena sarà fruibile gratuitamente fino a domenica 30 luglio. Organizzata nell’ambito delle iniziative promosse dall’Associazione internazionale “Le Vie Leonardo Da Vinci” e dedicata al rapporto di Leonardo con l’acqua, l’esposizione raccoglie una esclusiva selezione di immagini elaborate dal Gruppo Fotografico 93, scattate durante un lungo periodo di escursioni effettuate nei meandri del fiume Savio, iniziate dalle sorgenti sul Monte Fumaiolo e concluse alla foce nel Mare Adriatico.

Le fotografie in esposizione aprono un particolare sipario sulla conoscenza delle acque del Savio e propongono ai visitatori un raffronto con lo sguardo singolare di Leonardo da Vinci, che nel 1502 perlustrò le città e il territorio di Romagna. Le argute riflessioni sul comportamento dei fluidi e sui segni lasciati dalle acque fluviali, arricchite da annotazioni e da riproduzioni degli straordinari disegni del geniale artista-scienziato rinascimentale, mirano a favorire la relazione col paesaggio, a stimolare una nuova consapevolezza dei cambiamenti climatici e a cogliere di questo elemento tanto diffuso in natura la seducente bellezza.

Leonardo da Vinci, nel suo viaggio in Romagna nel 1502, in qualità di ingegnere militare al seguito di Cesare Borgia, Duca di Romagna, perlustrò la città di Cesena e ne ritrasse la cinta muraria e la Rocca, suggerendo modifiche e migliorie. Successivamente lasciò nel celebre Manoscritto L anche profonde riflessioni sul comportamento dei fluidi, sui segni lasciati dalle acque fluviali e sulla relazione col territorio.