Foto di repertorio shutterstock

Appuntamenti con esperti delle politiche educative e dell’infanzia al via da giovedì 17 novembre

Un flash mob in Piazza della Libertà per far sentire la propria voce. In occasione dell’anniversario della Convenzione ONU sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza, che si celebra il 20 novembre, il Comune di Cesena e l’Azienda Pubblica di Servizi alla Persona del Distretto Cesena/Valle Savio, da giovedì 17 a domenica 20 novembre presentano la rassegna “I diritti richiedono responsabilità”. Con il coinvolgimento diretto dei giovanissimi, bambini e adolescenti, educatori, esperti e famiglie, la serie di appuntamenti prenderà avvio giovedì, alle ore 16, con un incontro sul diritto delle bambine e dei bambini ad una scuola di qualità, a cura della dottoressa Loretta Lega e della Dirigente scolastica Lorella Zauli dell’Istituto “Ruffilli” di Forlì. L’evento si terrà presso l’Auditorium di Palazzo Nadiani (Contrada Dandini 5, Cesena).

“Questa rassegna – commenta l’Assessora ai Servizi per la Persona e la Famiglia Carmelina Labruzzo – si colloca nell’ambito delle politiche educative, scolastiche e delle famiglie promosse dal Comune di Cesena insieme ad Asp Valle/Savio, anche attraverso le non poche iniziative proposte al nostro territorio dal Centro per le famiglie e, tramite la scuola, dal Centro di Documentazione Educativa ‘Gianfranco Zavalloni’. In tal senso, la data del 20 novembre assume un significato fondamentale perché in questo giorno del 1989 l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato la Convenzione sui Diritti dell’Infanzia, la quale sanciva per la prima volta che tutti i bambini hanno diritti alla sopravvivenza, allo sviluppo, alla protezione e alla partecipazione. L’accordo formula principi validi in tutto il mondo nell’approccio all’infanzia, indipendentemente dall’estrazione sociale, culturale, etnica o religiosa. Un principio sempre valido, oggi più che mai considerati i drammatici eventi legati ai conflitti in corso, a causa dei quali molte famiglie hanno dovuto abbandonare le proprie abitazioni approdando anche nella nostra città e attivando percorsi complessi di inserimento sociale, educativo e scolastico. Uno dei principi della Convenzione Onu – prosegue l’Assessora – ci ricorda che tutti i bambini, in quanto persone a pieno titolo, devono essere presi sul serio e rispettati. Ciò significa anche informarli in modo conforme alla loro età e coinvolgerli nelle decisioni. Su queste basi nasce la rassegna che avrà luogo in diversi luoghi di Cesena”.

Dopo il primo appuntamento di giovedì 17, la rassegna proseguirà venerdì 18 alle ore 14,30 con “I diritti dei bambini sono una responsabilità degli adulti” che si terrà all’Istituto Tecnico Agrario “Garibaldi/Da Vinci” (via Savio, 2400). L’incontro, inserito all’interno del progetto “Evviva! La città si fa scuola!”, sarà moderato dalla presidente di Asp Elena Baredi e vedrà la partecipazione di esperti dell’Università di Bologna. Nel pomeriggio di venerdì, alle ore 17, spazio ai racconti “Dream, my baby dream” in Biblioteca Malatestiana ragazzi. Sabato 19 novembre grande inizio di giornata in piazza della Libertà, alle ore 9,30, con il flash mob “La voce dei bambini e dei ragazzi”. A seguire, alle 10,45, sarà la Sala del Consiglio del palazzo comunale a ospitare la seconda parte della giornata con i dialoghi con gli adulti responsabili del territorio. L’evento sarà moderato dal dottore Riccardo Bertaccini. Alle 16,30 al teatro “Jolly” (via Canonico Lugaresi, 250) andranno in scena le favole al telefono di Gianni Rodari, a cura del Teatr Distracci (ingresso gratuito).

Ultimo appuntamento domenica 20 novembre, alle ore 16,30, sempre presso il teatro “Jolly” sempre il Teatro Distracci porterà in scena “Coccodrillo” tratto da “Il coccodrillo enorme e altre storie” di Roald Dahl (ingresso gratuito).