Fonte: Ufficio Stampa Comune di Cesena

I donatori di sangue nel territorio di Cesena sono circa 4400, mentre a livello comprensoriale il loro numero tocca quota 8200

“Piacere, Avis!”. Giovedì 13 ottobre, Avis Cesena per l’intera giornata si è trasferita a Palazzo Albornoz per incontrare il personale del Comune e dell’Unione Valle Savio, ma anche tutti i cittadini che dalle ore 9 alle ore 17,30 si sono recati negli uffici e allo Sportello Facile. L’iniziativa, fortemente voluta da Avis e dall’Amministrazione comunale, aveva un unico obiettivo: presentare e raccontare a tutti gli interessati l’attività di organizzazione della raccolta del sangue, ma soprattutto parlare della cultura del dono, del valore della cittadinanza attiva, e spiegare perché è importante che tanti nuovi donatori e volontari si facciano avanti.

“L’importanza della donazione di sangue – commenta il Sindaco Enzo Lattuca – va appresa in ogni luogo, sul lavoro, a scuola e in famiglia. Per questa ragione, con lo scopo di condividere un’azione fondamentale che si presenta come un vero e proprio gesto di solidarietà incondizionata e un servizio reso alla comunità, abbiamo ospitato Avis Cesena in Comune dando modo ai dipendenti e ai cesenati di approfondire ogni aspetto e di conoscere da vicino i volontari. Donare sangue significa innanzitutto essere lungimiranti e altruisti: è importante capire infatti che non dobbiamo aspettare le situazioni di emergenza per farlo. Tutti noi possiamo avere bisogno di una sacca di sangue o per operazioni chirurgiche o per trattamenti, sia per amici, parenti o conoscenti. Per questa ragione sosteniamo con convinzione l’attività di Avis Cesena rinnovando l’appello a donare a tutti i cittadini”.

“Ringrazio l’Amministrazione comunale e tutto il Comune – commenta il presidente di Avis Cesena Gualtiero Giunchi – per l’accoglienza e l’attenzione che ci hanno riservato:  abbiamo avuto la possibilità di entrare in contatto diretto con tanti dipendenti e amministratori comunali e abbiamo fissato tanti appuntamenti per nuove donazioni. Occasioni come queste sono fondamentali per Avis. Molti conoscono l’associazione e la ritengono affidabile, ma pensano che la raccolta del sangue non sia un loro problema. E invece è una responsabilità di tutti, perché investe il benessere dell’intera comunità. E se a Cesena vogliamo continuare a soddisfare, come abbiamo fatto finora, tutte le richieste di sangue, è indispensabile che arrivino nuovi donatori, nuovi volontari che si prendano cura della comunità. Aver avuto la possibilità di far partire questo messaggio di solidarietà e sensibilità civica dalla Casa Comunale, cuore sociale del nostro territorio, ha un grande valore e sono certo che questo esempio avrà un effetto positivo per diffondere l’iniziativa in altre realtà del nostro territorio”.

I donatori di sangue nel territorio di Cesena sono circa 4400, mentre a livello comprensoriale il loro numero tocca quota 8200. Grazie a loro Avis nel 2022 ha raccolto finora circa 9000 sacche di sangue (rispondendo pienamente alle richieste dell’Officina Trasfusionale) e circa 2500 sacche di plasma, non ancora sufficienti a garantire l’autosufficienza completa del territorio). Per favorire i donatori nel corso di questi mesi Avis Cesena ha promosso diverse iniziative: grazie all’allungamento degli orari ora è possibile donare anche di pomeriggio e in pausa pranzo, e si può fissare l’appuntamento per la donazione dal telefonino grazie all’app Avisnet.

Chi desidera diventare donatore di sangue può prendere contatto con la segreteria di Avis Cesena (telefono 0547 613193) aperta dal lunedì al venerdì dalle 7,30 alle 17,30 e al sabato dalle 7,30 alle 12,30.