Non solo torrone, anche la tradizionale dimostrazione di lavoro artigiano

Fabbri artisti da tutta Italia e oltre per la fiera di Santa Lucia, l’evento organizzato da Davide Caprili con il supporto di CNA cresce ogni anno. Ci sono anche loro alla tradizionale fiera di Santa Lucia di Savignano, che è anche la patrona della città.

Provengono da tutta Italia e persino dalla Repubblica Ceca per mostrare l’arte di forgiare il ferro, ormai sono più di quaranta e non smettono di incuriosire le persone. Sono i fabbri artisti “attirati” da Davide Caprili, ormai noto artigiano-artista di Savignano, recentemente vincitore della decima edizione del Concorso Internazionale di Arte Fabbrile e William Ventrucci, entrambi titolari di S.A.L.F.

 

Nello spazio ricavato nel borgo San Rocco, i fabbri danno vita all’ormai tradizionale dimostrazione di lavoro artigiano, per il sesto anno consecutivo.

“Siamo orgogliosi di poter continuare a contribuire alla fiera -sottolinea Davide Caprili- portando il sapere artigiano in piazza. Lo facciamo, con passione, perché con orgoglio vogliamo mostrare il valore del nostro lavoro, che nasce da un connubio tra ferro, fuoco e conoscenza artigiana”.

 

“Continuiamo a sostenere queste iniziative -nota Marco Gasperini presidente di CNA Est Romagna- con grande orgoglio. Dietro alla conoscenza artigiana, di cui i fabbri probabilmente fanno uno dei lavori più tangibili nel risultato, ci sta la conoscenza, che nasce dalla storia e dalla tradizione che caratterizza il nostro territorio, accomunata dalla modernità. Un patrimonio che “fa la differenza” e che dobbiamo insieme valorizzare in tutti i modi”.