Al cinema San Biagio il film “La stella di Andra e Tati”

Venerdì 31 gennaio al Cinema San Biagio, nell’ambito della rassegna Schermi e Lavagne: il cinema per le scuole, nuovo appuntamento sul grande schermo per gli studenti della Scuola Primaria (classi quarte e quinte) e Secondaria di Primo grado con la proiezione, alle 9, del film “La stella di Andra e Tati” di Rosalba Vitellaro e Alessandro Belli. È questo il primo cartoon che racconta la Shoah attraverso gli occhi delle due sorelline di Fiume sopravvissute ad Auschwitz e agli esperimenti del dottor Joseph Mengele. Le sorelle Alessandra e Tatiana Bucci, avevano solo sei e quattro anni quando nel marzo del 1944 vennero deportate nella fabbrica della morte insieme a parte della loro famiglia. Scambiate per gemelle dal dottor Mengele, riuscirono a sopravvivere alla camera a gas e destinate agli esperimenti di eugenetica. Il film racconta la loro storia, intersecando il racconto con quello di una visita di liceali di oggi al lager. Vincitore di numerosi premi internazionali, sarà accompagnato da un programma di corti a tema.

Oltre agli appuntamenti al cinema e al Teatro in programma per questa settimana, la Giornata della Memoria sarà celebrata anche dalla mostra “Arpad Wiesz, una storia di sport e di razzismo” in programma dall’8 febbraio all’8 marzo alla Galleria Pescheria a cura di Vincenza Maugeri, direttrice del Museo Ebraico di Bologna, e Carlo Felice Chiesa con tavole grafiche di Matteo Matteucci. Ungherese di nascita, Weisz è stato calciatore e poi allenatore dell’Inter, prima di essere ingaggiato nel febbraio 1935 dal presidente Dall’Ara per risollevare le sorti della squadra rossoblù. Teorico del calcio, vero e proprio genio della tattica, dopo l’allontanamento da Bologna, Weisz riparerà in Francia e poi in Olanda, dove allenerà per il Dordrecht. Sarà infine catturato dai nazisti e scomparirà con la sua famiglia  nel campo di sterminio di Auschwitz. Il 20 febbraio invece al Palazzo del Ridotto, alle 17, si terrà una tavola rotonda sul rapporto tra sporte razzismo, in collaborazione con Istituto Storico della Resistenza e dell’Età Contemporanea di Forlì-Cesena.

In più, fino al 2 febbraio prossimo la Biblioteca Malatestiana propone una selezione di saggi, romanzi, film, documentari e fumetti per non dimenticare le barbarie dei totalitarismi, l’Olocausto, le persecuzioni, i genocidi che hanno afflitto il Novecento.