Il sopralluogo ha portato al ritrovamento di circa cinque grammi di eroina e qualche centinaio di euro in contanti.

Dal 5 aprile la Polizia Albanese aveva richiesto all’Interpol la cattura ai fini estradizionali di una giovane compatriota, accusata e condannata per furto avvenuto oltre Adriatico un paio di anni fa, ma la donna, da qualche tempo residente in Toscana, aveva subito fatto perdere traccia di sé. E’ stata una volante dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura a trovarla in città, durante i consueti controlli svolti negli esercizi pubblici, e in questa circostanza era in compagnia di un italiano 60enne anche lui residente in Toscana. Interrogati sui motivi della loro presenza a Forlì non hanno saputo fornire una giustificazione credibile, poi si è scoperto che stavano alloggiando presso un affittacamere del centro, per cui gli agenti hanno proceduto a un sopralluogo che ha portato al ritrovamento di circa cinque grammi di eroina e qualche centinaio di euro in contanti.

a ragazza è stata arrestata sulla base del mandato di cattura internazionale, mentre per quanto riguarda il possesso dello stupefacente è stata trasmessa una denuncia a carico di entrambi per detenzione a fini di spaccio in concorso. Sembra che l’uomo, incensurato, avesse il compito di accompagnatore (la donna è senza auto e senza patente) e che sperasse così di guadagnarsi i favori della ragazza.