Il livello dell’acqua nell’invaso è troppo basso

Domenica prossima – 31 marzo, ultima domenica del mese – è prevista dalle norme regionali la riapertura della pesca alla trota: che coinvolge anche l‘invaso di Ridracoli, meta abituale di decine e decine di pescatori e appassionati.
Quest’anno però, viste le particolari condizioni dell’invaso, non sarà possibile riprendere l’attività di pesca a partire da domenica prossima. A causa delle scarse precipitazioni degli ultimi mesi, l’invaso contiene oggi poco più di venti milioni e mezzo di metri cubi d’acqua (sui 33 possibili): ciò comporta un abbassamento consistente della linea d’acqua rispetto alle coste del lago, con conseguente difficoltà a raggiungere agevolmente la riva. Per questo, ragioni di sicurezza spingono Romagna Acque a vietare l’accesso all’invaso ai pescatori, rimandando l’apertura della pesca sul lago a quando il livello dell’acqua sarà nuovamente cresciuto (nella speranza, ovviamente, che ciò possa accadere quanto prima). Sarà cura della Società comunicare tempestivamente i tempi e i modi
della riapertura.