Ma c’è sempre il rischio di essere investiti dal pedone con gli occhi sul display

A volte può succedere che chi passeggia tranquillamente corra il rischio di essere investito dal pedone che cammina, magari velocemente, ammaliato dal dialogo che ha in corso con il proprio smartphone. Sempre più si incrociano persone che non perdono d’occhio il display perfino quando attraversano la strada, anche fuori dalle strisce pedonali, a loro rischio e pericolo. Il telefonino intelligente sta diventando totalizzante per chi ritiene di dover essere costantemente connesso alla rete, anche a tavola, quasi lo avesse ordinato il medico curante.

Quel genio di Bill Gates nel 1999 ha pubblicato un profetico libro “Business @ the speed of thought” che si può tradurre in “Gli affari alla velocità del pensiero”, in cui vaticinava lo sviluppo della conoscenza che avrebbero prodotto le innovazioni tecnologiche che oggi utilizziamo con sovrana indifferenza. Scrisse infatti testualmente “In un futuro tutti avremo un piccolo dispositivo intelligente e indossabile. Questo ci permetterà di fare chiamate, di lavorare, leggere notizie e prenotare dei voli”. A distanza di quasi vent’anni il vaticinio si è realizzato: non indossiamo “un piccolo dispositivo intelligente” ma nel portafogli conserviamo svariate card di plastica con il microchip o il codice a barre che ci consentono di pagare gli acquisti o di rifornirci di denaro, quando ne abbiamo necessità, dal bancomat di qualsiasi banca. Si è realizzato quanto Bill Gates aveva previsto e cioè “Internet Of Things”, l’internet delle cose o degli oggetti, che avrebbe semplificato, con l’interscambio dei dati tra i dispositivi, la vita di tutti noi. Il telefonino intelligente non può ancora essere indossato come gli orologi, i braccialetti o gli occhiali intelligenti; per ora si conserva in tasca col rischio di far partire una telefonata mentre si cerca maldestramente di estrarlo quando squilla, dimenticarlo a casa o di farlo scivolare nel sedile dell’auto. Date tempo al tempo e alla ricerca; anche il telefonino potrà essere indossato. Continueremo comunque a correre sempre il rischio di essere investiti dal pedone che ammaliato dallo schermo cammina veloce senza guardare dove sta andando.