Una mostra di volti nei loggiati di Piazza Saffi

Mercoledì 6 dicembre inaugura la mostra fotografica dedicata ai primi 30 anni di attività della Cooperativa Sociale Paolo Babini.
Una mostra fotografica di volti, appesi in pannelli bifacciali lungo le barre di ferro che sorreggono i loggiati di Piazza Saffi, alcuni sul lato del Palazzo comunale, altri sul lato di Palazzo Albertini e Palazzo Talenti Framonti. Una mostra in mezzo alla gente in un periodo speciale, quello natalizio. Una mostra in piazza, centro pulsante della città, storia fatta di storie, volti che guardano altri volti.
Perché una mostra di volti? Perché le persone sono il valore più prezioso di ogni organizzazione, perché nelle relazioni che nascono fra le persone ci sono le fondamenta di ogni intervento in favore della comunità.
Nel 1987 la volontà e la passione di due uomini, don Girolamo Flamigni e don Amedeo Pasini, unite all’entusiasmo e al lavoro di un gruppo di giovani della Parrocchia di San Paolo, diedero vita e spazio a quella che oggi è una realtà consolidata e attiva nel territorio forlivese, la Cooperativa Sociale Paolo Babini onlus. Alla base un semplice motto: “Dove siamo noi, ci siano anche loro”. E quel “loro” di allora è diventato un grande e potente “noi” oggi.
La Cooperativa è cresciuta, sono aumentati i servizi, i settori di intervento, le professionalità e le esperienze messe in campo, il lavoro nel territorio, l’accoglienza di bambini e persone in difficoltà. Oggi come allora restano ben salde le intenzioni delle origini, condivise insieme a tante “buone compagnie” (cittadini, associazioni, istituzioni), protagoniste della vita cittadina e di una ritrovata visione comunitaria.
E quindi ecco, riuniti in una sola carrellata, alcuni dei volti di chi della relazione d’aiuto ha fatto un lavoro, di chi dona il proprio tempo e il proprio entusiasmo da volontario, di chi ha conosciuto la Cooperativa e ora se ne sente parte come una seconda famiglia.
Celebrare i 30 anni attraverso questi volti vuole ricordare da dove e perché si è partiti, quello che è stato fatto ma soprattutto serve per fissare un altro punto di partenza e continuare a lavorare e proiettarsi verso il futuro con una direzione più che mai salda.
La mostra fotografica resterà visibile fino al 7 gennaio 2018.
La mostra dei pannelli fotografici è stata ideata da Casa Walden Comunicazione, le fotografie sono di Gianluca Naphtalina Camporesi e la stampa digitale è di Defilu’s.