Sospensione per un sacerdote di 60 anni e per la sua più stretta collaboratrice

PREDAPPIO – Anziani ammalati e indifesi, umiliati, maltrattati, si tratta dell’ennesimo caso che si registra in Italia e questa volta è successo a Predappio in una struttura religiosa, una succursale della Fondazione Opera San Camillo.

La Polizia di Stato in questi minuti sta dando esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misura cautelare interdittiva della sospensione dell’esercizio di pubblico servizio nei confronti di un sacerdote di 60 anni direttore della struttura e della sua più stretta collaboratrice, una donna di 40 anni. Entrambi sono ritenuti responsabili del reato di maltrattamenti nei confronti di anziani. Alcuni video che la polizia non ha ancora diffuso li incastrerebbero.

 

La Fondazione Opera San Camillo gestisce oggi tredici tra case di cura, ambulatori, residenze di riabilitazione, residente per anziani non autosufficienti, comunità residenziali per malati psichici e altre analoghe patologie e malattie.