Tra viale Due Giugno e viale Bolognesi la segnaletica stradale è difficile da vedere

Riceviamo e pubblichiamo la segnalazione di un lettore che si è trovato alle prese con un cartello stradale difficile da vedere.

“Incrocio viale Due Giugno con viale Bolognesi. Chi, proviene da viale Corridoni e svolta a destra si trova un supermercato e vari negozi ubicati su ambo i lati della strada, con molte persone che, pur potendo disporre delle strisce pedonali, attraversano con disinvoltura obbligando gli automobilisti ad un supplemento di attenzione.

Poco tempo, quindi, per controllare la segnaletica verticale presente in zona, soprattutto quel cartello di “divieto di fermata” che gioca a nascondino col semaforo, come si vede dalla foto.

E poiché viene naturale fermarsi per alcuni minuti per un rapido acquisto, sovente, arriva l’auto con i vigili urbani che, con rapidità e certo anche con ragione, lasciano sotto il tergicristallo l’avviso di pagamento per l’infrazione. Anche a me è stata contestata l’inosservanza e a una mia banalissima scusa “non sapevo ci fosse il divieto” una vigilessa, con un tono non certo conciliante e gentile, mi ha apostrofato “lei non deve sapere, deve guardare”. Ebbene “ho guardato” e fotografato. Possibile che non si potesse posizionare il cartello in altro modo per renderlo  meglio visibile? Quando si arriva all’incrocio, con macchine che rallentano e svoltano davanti a te, strisce pedonali da controllare per non arrotare qualcuno, come fai a notare un cartello che fa capolino fra il semaforo e un alberello? Capisco punire “i colpevoli” ma a patto che lo siano veramente e non “aiutati” nell’infrazione da  situazioni che non dipendono da loro, ma dall’amministrazione comunale.”