CESENA. 3 Miliardi di euro: questo l’ammontare complessivo della sanzione comminata dall’Antitrust al cartello dei costruttori di camion, la multa più alta nella storia dell’Unione Europea. Sono numerosi anche nel nostro territorio gli autotrasportatori (e non solo!) che ne sono stati vittime: CNA stima che siano circa 2.000 i mezzi potenzialmente interessati nella nostra provincia.

Che cosa è successo? Le principali case produttrici di autocarri hanno fatto “cartello”, concordando ingiustamente un aumento dei prezzi ai danni dei loro clienti finali. Un comportamento illecito portato avanti dal 1997 al 2011, anni in cui i vertici dei vari marchi si sono accordati su aumenti dei prezzi e tempistica per l’introduzione di tecnologie antinquinamento. Le case costruttrici coinvolte sono tutte le principali, ovvero DAF, Mercedes, Iveco, MAN, Volvo e Renault Truck. Anche Scania è indagata per aver partecipato al cartello, ma il procedimento è ancora in corso.

 

Per tali gravi motivazioni CNA Fita si è attivata tempestivamente per promuovere un’azione legale collettiva al fine di far risarcire tutti gli associati coinvolti. La campagna è stata presentata giovedì 20 ottobre a Cesena in una conferenza stampa a cui hanno partecipato Lorenzo Zanotti, presidente CNA Forlì-Cesena e Daniele Battistini, presidente CNA-Fita Forlì-Cesena.

Sono interessati tutti coloro che hanno acquistato, preso in leasing o noleggiato a lungo termine un camion di medie o grandi dimensioni (oltre le 6 tonnellate), immatricolato tra il 1997 e il 2011.

Il risarcimento si aggira intorno al 20% del prezzo del camion. Nel nostro territorio sono circa 2.000 i mezzi interessati all’azione collettiva, con un recupero per le nostre imprese di circa 12 – 15 milioni di euro (si calcola mediamente 6.000/8.000 euro a mezzo).

I vantaggi di una azione collettiva sono che essa permette di ridurre i costi e di proteggere i singoli da eventuali comportamenti ritorsivi da parte delle potenti imprese responsabili dell’illecito. Il meccanismo è quello della class action. Inoltre, non occorre anticipare spese legali.

Segnaliamo per completezza che all’azione collettiva possono partecipare tutte le tipologie di imprese che hanno acquistato o noleggiato un camion, pensiamo al settore costruzioni o alla produzione.

 

In particolare la collusione individuata dalla Commissione riguarda le nuove tecnologie di riduzione delle emissioni previste dalle norme ambientali da Euro III a Euro VI, e nello specifico il coordinamento su tempistica e trasferimento ai clienti dei costi delle tecnologie di riduzione delle emissioni per rendere gli autocarri conformi alle norme in tale ambito.

Le case costruttrici dovranno indennizzare i nostri imprenditori per i maggiori costi che a causa dei loro scorretti patti hanno dovuto sostenere, ancora più pesanti per le pmi e le imprese artigiane. Per questo abbiamo prontamente predisposto una azione risarcitoria collettiva, senza oneri iniziali da sostenere per i nostri associati.

 

Le imprese interessate possono rivolgersi alle sedi territoriali CNA – Uffici Creaimpresa. La documentazione va presentata entro il 30 novembre.

CNA Fita, l’unione di settore CNA che rappresenta gli autotrasportatori conta circa 800 imprese artigiane associate nella nostra provincia, indicativamente 300 nel comprensorio cesenate. In questo settore CNA è storicamente l’associazione leader, con una quota di mercato superiore al 60%.

 

Ufficio Stampa Cna Forlì-Cesena