trasporto abusivo

31 ottobre 2014 - Cesena, Cronaca
Dovranno rispondere di falso documentale e di gestione illecita di rifiuti speciali prodotti da terzi
CESENATICO -  Lo scorso 18 settembre una pattuglia della Polizia Municipale di Cesenatico ha fermato per controlli un autocarro in marcia nella via Cesenatico. A bordo due uomini, entrambi albanesi. Sull'autocarro erano trasportati rifiuti speciali (rottami, per circa 500 kg.) ma non era stato compilato il previsto formulario di identificazione, cioè il documento che deve necessariamente accompagnare il trasporto dei rfiuti.  
15 marzo 2013 - Forlì, Cronaca, Società
BERTINORO / PREDAPPIO- Nei giorni scorsi, a seguito di una intensificazione dei controlli ambientali eseguiti dal Corpo Forestale dello Stato nel settore dello smaltimento dei rifiuti, sono state accertate e segnalate all’Autorità Giudiziaria due situazioni di illegalità. Nello specifico il personale dei Comandi Stazione Forestale di Forlì e di Predappio ha accertato la presenza, nei territori comunali di Bertinoro e Predappio, di cittadini nordafricani i quali, in totale assenza delle autorizzazioni previste per legge, svolgevano attività di raccolta e trasporto di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi costituiti in prevalenza da materiali ferrosi e metallici in genere: in entrambi i casi, i soggetti denunciati svolgevano la loro attività recandosi presso privati cittadini e piccole ditte e imprese dove prelevavano e caricavano sui loro automezzi il materiale metallico di varia natura che veniva loro consegnato per poi conferirlo – si ritiene fuori regione – a centri di raccolta del settore.
5 dicembre 2012 - Cesena, Cronaca
La Polizia Municipale di Cesenatico prosegue nelle indagini per individuare il committente
CESENATICOOggi una pattuglia della Polizia Municipale di Cesenatico ha fermato per controlli un autocarro Fiat Ducato cassonato, in circolazione in via Mazzini. Alla guida un uomo, R.M.V. ventiseienne, di origine rumena, a fianco del quale viaggiava il proprietario dell'automezzo, G.A.A. donna di 37 anni, anche lei originaria della Romania, che è risultata residente nella Tuscia. Sul cassone dell'automezzo vi erano vari rifiuti speciali, evidentemente prodotti da attività di demolizione e per lo più rappresentati da sanitari ceramici e rubinetterie. All'esito del controllo è risultato che il trasporto dei rifiuti era abusivo, in quanto effettuato in mancanza della prevista obbligatoria iscrizione all'Albo dei gestori ambientali e senza la dovuta documentazione di accompagnamento. Essendo il trasporto abusivo di rifiuti un reato, all’autorità giudiziaria è stata notificata la vicenda.
Condividi contenuti
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.