19 dicembre 2017 - Società

Medici e venditori di bibite

I paradossi italiani non smettono mai di stupire (e indignare)

SOCIETA' - Il diritto alla salute, unico diritto qualificato dalla Costituzione della Repubblica come "inviolabile", nei giorni prefestivi e festivi è assicurato, nella nostra città, dal roboante "Servizio di continuità assistenziale" comunemente noto, terra a terra, come "guardia medica". Sì, dalle 8.00 del prefestivo alle 8.00 del giorno successivo al festivo è la guardia medica che tutela la salute del cittadino: redige infatti "le proposte di ricovero, le vertificazioni di malattia per il lavoratore per un massimo di tre giorni, le prescrizioni farmaceutiche per una terapia d'urgenza e per coprire un ciclo di terapia non superiore a 48/72 ore" ed effettua le eventuali visite domiciliari che fossero indispensabili.

 

In assenza di ricetta è la farmacia di turno che consiglia il ricorso alla guardia medica. Il cittadino che per ventura vi si debba rapportare si armi di santa pazienza: attendere tre ore per ottenere la ricetta di un farmaco non "da banco" può essere la norma anche sotto Ferragosto quando la città sembra deserta per via delle ferie estive e delle gite del fine settimana. Si attende pazientemente unitamente a chi è caduto dalla bicicletta, alla giovane coppia in attesa, a una varia umanità che accede chiedendo: "Chi è l'ultimo?" fotografando magari il rispondente per il timore di essere poi successivamente scavalcato.

 

C'è da chiedersi se i tempi di attesa destinati a dilatarsi al termine del periodo estivo, siano accettabili - zitto e mosca - in un paese industrialmente avanzato che fa parte dei G 8. Per cortesia non si parli di costi! Proprio il 15 agosto La Repubblica pubblica la lettera di Valeria Guglielmi Garfi che informa come il ritardo del bando per il "concorso per entrare in Specializzazione" (doveva uscire a Maggio) fa sì che i giovani medici indigenti sabato a Roma "fanno turni di dodici ore, per meno settanta euro il giorno, 6 euro l'ora" poi "la domenica vendono bibite allo stadio" guadagnando il doppio.

 

Tomaso Tomai

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.