16 gennaio 2020 - Turismo, Forlì, Cronaca

Cresce il turismo invernale, migliora la performance del nostro territorio

E' quanto emerge da uno studio di Confartigianato

L’ufficio studi di Confartigianato ha presentato i dati relativi all’attrattività turistica del nostro Paese. Dall’analisi emerge chiaramente l’evoluzione della presenza turistica, oggi voce importante anche nei mesi invernali. Tra gennaio e marzo dello scorso anno, sono state registrate oltre 56 milioni di presenze turistiche, di cui il 47,9% sono straniere. Le presenze nel primo trimestre dell’anno rappresentano il 13,1% dei 426 milioni di presenze nell’arco degli ultimi dodici mesi (ottobre 2018-settembre 2019). Nell’arco di quattro anni (2015-2019) il turismo invernale è strutturalmente aumentato, con le presenze nei mesi di gennaio-marzo salite di 7,1 milioni (+14,6%). L’analisi effettuata in base ai dati resi disponibili dall’ultima indagine dell’Istat su viaggi e vacanze della popolazione residente evidenzia che nel 2018 il numero di viaggi per vacanza nei mesi invernali effettuati dai residenti in Italia è di 11 milioni e 722 mila, valore in notevole crescita rispetto al 2017 (+16,6%). L’aumento del numero dei viaggiatori nel periodo invernale è associato a una lieve aumento della durata media, che si attesta a 4,5 notti, per un totale di 52 milioni di pernottamenti (+18,2%).

I vacanzieri del trimestre invernale sono 10 milioni 151 mila, di cui il 56,9% viaggiano per 1-3 notti e il 46,9% per 4 o più notti. La propensione a scegliere una vacanza invernale è più elevata al Centro, dove effettua almeno una vacanza nel periodo il 22,5% dei residenti, seguita dal Nord Est con il 22% e dal Nord Ovest con il 19%; a distanza le Isole con il 9,8% e il Sud con l’8,9%. Tra le destinazioni del viaggio in Italia nelle vacanze invernali brevi – nelle quali predomina l’attrazione delle città d’arte – troviamo la Toscana al primo posto con il 15,6% dei soggiorni effettuati in Italia, seguita da Lombardia con 15,5%, Lazio con il 13%, Veneto con l’8,8% e Trentino Alto Adige con 6,8%. Per le vacanze invernali più lunghe prevale il turismo sciistico, con Trentino Alto Adige che concentra quasi un terzo (31%) dei viaggi di 4 o più notti, seguito da Lombardia con 11,5%, Abruzzo con 11,3%, Emilia-Romagna con 11,2% e Veneto con 6,8%. Interessante notare la crescita del forlivese che fa registrare un +2,2% nelle presenze turistiche. Tra le mete più gettonate, oltre al capoluogo, Santa Sofia, Tredozio e Portico San Benedetto, assieme a Predappio e Modigliana.

L’offerta turistica nei mesi invernali si rafforza grazie alla vasta rete museale: l’analisi dei dati pubblicati recentemente dall'Istat, evidenzia che nel 2018 l'Italia conta 4.908 tra musei, aree archeologiche, monumenti ed ecomusei aperti al pubblico. I visitatori sono in forte crescita: oltre 128 milioni di persone (di cui 58,6 milioni di stranieri, il 46%) hanno visitato il patrimonio culturale italiano nel 2018, quasi 10 milioni in più (+8%) rispetto al 2017.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.