20 luglio 2015 - Turismo, Forlì, Cesena, Società, Guida Estate

Il cane in barca: come portare fido a bordo delle navi durante le vacanze

Un nuovo articolo della rubrica tenuta dall'associazione “Compagni di Vita”

Eccoci giunti all’ultima parte della serie degli articoli riguardanti viaggiare con il cane. Dopo aver visionato come viaggiare in auto, in aereo e in treno, questa settimana parlerò degli spostamenti in barca, nave o traghetto.

La maggior parte delle compagnie di navigazione consentono senza grossi problemi o restrizioni l’accesso ai cani a bordo, ma è sempre necessario informarsi per tempo sul regolamento della compagnia che avete scelto per il vostro viaggio. Alcune oltre che al libretto sanitario in regola con le vaccinazioni e al passaporto canino, richiedono anche il certificato di buona salute redatto dal veterinario. Sui traghetti i cani sono ammessi con guinzaglio e museruola oppure i cani di piccola taglia possono stare nell’apposito trasportino , il cane nel trasportino deve comunque stare in posizione comoda, potersi girare ed accucciarsi.

In nave, i cani di piccola taglia possono viaggiare in cabina con il proprio padrone previo consenso comunque delle altre persone presenti quindi non è detto purtroppo dato che l’intolleranza a volte è ancora alta. I cani di taglia media o grande possono invece alloggiare negli appositi canili di bordo di cui sono dotate la maggior parte delle compagnie di navigazione, ma solitamente è permesso tenerli sul ponte con l’obbligo del guinzaglio e delle museruola su richiesta. In ogni caso, informatevi sulla possibilità di poter portare in cabina il vostro compagno di vita sia esso sia di taglia piccola o grande.
Un problema potrebbe essere il mal di mare, quindi fatevi consigliare dal vostro veterinario il rimedio più adatto al vostro cane per prevenirlo. Se viaggi in cabina, mi raccomando ricordati di evitare che sporchi, di non fargli mancare acqua fresca e di fargli fare le passeggiate sul ponte dove è consentito l’accesso agli animali. Se invece decidete di metterlo negli appositi box di cui dispongono le navi cercate di andare spesso a trovarlo per controllare che non sia troppo stressato e che non gli manchi cibo e acqua. Ricordatevi che è sconsigliato far viaggiare nei canili delle navi cani anziani o con particolari patologia cardiovascolari.

Ecco i link delle più importanti compagnie navali dove potete trovare i regolamenti sulle condizioni di trasporto.

In crociera con il cane

La stessa cosa non vale per le crociere, sono solo due le compagnie che offrono la possibilità di portarsi in vacanza il proprio cane: La Cunard e la Hurtigruten . Naturalmente il cane deve avere il passaporto per animali, la vaccinazione antirabbica e la prevenzione contro tenia e zecche effettuata poco prima del viaggio. I servizi a bordo per i cani variano a seconda della compagnia, la Cunard Line offre una vacanza di lusso sulla Queen Mary 2, il costo supplementare parte dai 500 dollari circa e al cane viene fornito tutto quello di cui necessita, avrà a disposizione ponti per le sue passeggiate , giocattoli, prelibatezze e coccole , ed una figura chiamata dog master che li sorveglierà, i posti sono limitati ed occorre prenotare in largo anticipo. Unico neo è che il cane deve alloggiare in appositi box, di lusso e spaziosi sì, ma sempre gabbia e non può accedere a molte parti della nave. Praticamente potete stare con il vostro cane solo quando uscite in passeggiata nei porti o potete andare a trovarlo quando volete!

Nelle navi Hurtigruten invece avrete la possibilità sia di far soggiornare il cane nel canile di bordo sia di prenderlo con voi in cabina, ci sono cabine speciali senza tappeti, i cani non potranno lasciare le cabine poiché le crociere prevedono più scali al giorno quindi i nostri amici a quattrozampe potranno sgranchirsi spesso le zampette e fare un regolare esercizio fisico oltre che espellere i proprio bisogni al di fuori della nave- Che dire nelle descrizioni on line dei pacchetti viaggio sembra tutta rose e fiori e che il cane non sia un problema ma leggendo un po’ di recensioni in giro per il web sembra che questa compagnia durante la prenotazione prenda alla leggera la prenotazione per il cane e che poi venga sistemato in canile di bordo per mancanza di cabine apposite. Prenotate quindi con largo anticipo, e se non siete sicuri meglio che lasciate il cane a casa affidato ad una pensione attrezzata o meglio ad un dog sitter onde evitargli troppi stress e se il cane abbaia se lasciato solo in cabina dovete stare lì con lui e quindi non potreste godervi la vacanza.

 

Monica De Stein

Associazione Compagni di vita

Centro cinofilo del Parco Fluviale

www.compagnidivita.it

pagina facebook

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.