18 febbraio 2020 - Forlì, Cronaca

Lo Stelloncino - Nativi digitali infelici?

I giovani arrivano al mondo del lavoro già alienati da un sistema di comunicazione fatto soprattutto di sms ed e-mail

Nel lontano 1978 Primo Levi in La chiave a stella scrive: «L’amare il proprio lavoro, che purtroppo è il privilegio di pochi, costituisce la miglior approssimazione concreta alla felicità sulla terra: ma questa è una verità che molti non conoscono».

Secondo l’Università di Harvard, in base a una ricerca che dura ininterrottamente da ben 82 anni, “ciò che rende felici gli esseri umani non sono né la ricchezza né la fama, i feticci della modernità. E’ la qualità delle loro relazioni”.

In ufficio circa l’80% dei giovani americani “si sente smarrito e infelice sul posto di lavoro”. A vivere malissimo il posto di lavoro, secondo uno studio dell’assicurazione sanitaria Cigna Corporation, sono “coloro che i sondaggi e le ricerche sociologiche identificano come Generation Z e Millennials: lavoratori , cioè, di un’età compresa fra i 20 e i 30 anni.” Si tratta dei “nativi digitali” che lo sviluppo tecnologico improvviso e intenso ha indotto a vivere, sin dall’infanzia, una “vita totalmente diversa rispetto ai propri genitori o di chi li ha preceduti”.

A metterli a disagio sono principalmente i colleghi più anziani: dai quali si sentono maltrattati e non adeguatamente valorizzati ed emotivamente distanti. Con loro non condividono né obiettivi né ansie. Per Douglas Nemecek direttore della ricerca di Cigna la colpa di tanta insoddisfazione non è dei lavoratori più anziani. I giovani infatti «arrivano al mondo del lavoro già alienati da un sistema di comunicazione fatto soprattutto di sms ed e-mail» e con la smania della connessione in continuo (anche quando attraversano la strada senza curarsi del traffico!). Peraltro «Sono meno informati. Meno aperti. Meno interessati a creare relazioni». Il senso di solitudine dei giovani impiegati sta diventando un problema sempre più serio: si abbassano le motivazioni. I valori aziendali sono sempre meno condivisi, mentre il senso di distanza reciproco «in un lasso di tempo piuttosto breve diventa contagioso». Una domanda: i nativi digitali, abilissimi nell’impiego di avanzate tecnologie, conosceranno mai la felicità nell’accezione di Levi e dell’Università di Harvard?

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.