11 febbraio 2020 - Forlì, Cronaca

Due “badanti” ucraine denunciate dalla Polizia

Una per clandestinità, l'altra per mancata esibizione del documento attestante la regolare permanenza

L’altra mattina, una Volante dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura, durante un normale controllo nella zona della Stazione, ha notato due donne che alla vista della pattuglia si erano mosse in modo sospetto, quasi a cercare di nascondersi dalla vista degli agenti. La mossa non è sfuggita d ha determinato gli agenti a procedere ad una verifica. Entrambe erano sprovviste di documenti, e con un italiano stentato hanno cercato di spiegare di trovarsi in città poiché titolari di un contratto di lavoro come badanti.

Le attività di identificazione sono proseguite in Questura attraverso rilievi dattiloscopici, e si sono concluse più tardi quando loro conoscenti hanno portato in centrale i passaporti. E’ così emerso che una era clandestina. A carico di entrambe è scattata una denuncia alla procura di Forlì per reati inerenti la violazione della disciplina inerente l’immigrazione, in un caso per la clandestinità, nell’altro per la mancata esibizione di valido documento attestante la permanenza regolare sul territorio nazionale. Altri accertamenti sono in corso per verificare quanto affermato in occasione del primo controllo, cioè lo svolgimento di attività lavorativa, poiché in entrambi i casi non sono risultati contratti di lavoro e, quindi, si presume si possa trattare di prestazioni “in nero”.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.