6 dicembre 2019 - Forlì, Cronaca, Sport

Il corso per arbitri AiCS per migranti diventa “caso scuola” a Roma per la Giornata internazionale del volontariato

La volontaria Yacine Diallo, coordinatrice del corso a Forlì, al convegno nazionale del Forum del Terzo Settore, ha raccontato la sua esperienza dopo l’intervento del premier Conte

Roma - Il corso per arbitri per migranti condotto da AiCS a Forlì nell’ambito del progetto nazionale “Cultura dell’accoglienza e comunità inclusive” è stato scelto, come best practise di sport sociale, a rappresentare a Roma il meglio del volontariato italiano. La coordinatrice del progetto a Forlì, la volontaria 36enne Yacine Diallo, è infatti intervenuta stamane al convegno “Ricostruire una comunità solidale – il ruolo del volontariato nel Terzo Settore”, promosso dal Forum nazionale del Terzo Settore per celebrare così la 34esima Giornata internazionale del Volontariato.

Yacine è quindi intervenuta dopo il saluto del presidente del Consiglio Giuseppe Conte e si è seduta al tavolo con altri quattro volontari scelti a loro volta come portavoce di altrettanti progetti di volontariato sociale italiano, considerati la migliore espressione del Terzo Settore: i loro interventi sono stati moderati dal giornalista Rai Roberto Natale. In generale, oltre  200 rappresentanti del terzo settore provenienti da tutta Italia si sono incontrati stamane a Roma per una mattinata di dibattito con i rappresentanti delle reti di terzo settore, con le istituzioni, con docenti e con esperti per riflettere sul volontariato, sulla sua dimensione costituzionale, sul suo radicamento nei territori, sul suo posizionamento all’interno dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, e alla luce delle novità introdotte dalla Riforma del Terzo settore.

Yacine, di origine senegalese e mediatrice culturale volontaria da quattro anni a Forlì, ha potuto dal canto suo raccontare la propria esperienza e la valenza del progetto di coesione sociale promosso sul territorio dal comitato provinciale dell’Associazione Italiana Cultura Sport: ha raccontato come questo abbia contributo a promuovere la rete tra associazioni sul territorio e la coesione di ben 35 migranti nel corso degli ultimi mesi, alcuni dei quali hanno frequentato il corso per arbitri tenuto a Forlì la scorsa primavera dall’arbitro nazionale Franco Sirotti e si sono “laureati” fischietti AiCS, riuscendo anche nel sogno di arbitrare già diversi tornei AiCS compreso quello per disabili promosso a Cervia nei mesi scorsi. Al convegno, era accompagnata dalla presidente di AiCS Emilia Romagna, Viviana Neri.

Promosso da AiCS nazionale, tra i primi enti di promozione sportiva del Paese, il progetto “Cultura dell’accoglienza e comunità inclusive” gode del sostegno del Ministero al Welfare e ha visto il coinvolgimento di oltre 20 province italiane, tra cui appunto quella di Forlì-Cesena.

Tag: AICS

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.