22 novembre 2019 - Forlì, Agenda, Cronaca

Linee di rigenerazione, una passeggiata patrimoniale per conoscere il quartiere intorno all’ex Deposito ATR

Per conoscere il quartiere intorno all’ex Deposito ATR, i suoi luoghi più nascosti, le sue storie e le comunità che lo vivono

Dopo la passeggiata esplorativa del 16 novembre a cui hanno partecipato numerosi abitanti, continuano le attività di “Linee di rigenerazione”, il progetto a cura di Spazi Indecisi che connetterà l’ex deposito delle corriere con il quartiere coinvolgendo abitanti e artisti attraverso micro-interventi di rigenerazione urbana. 

Sabato 23 novembre, alle ore 15.30, da EXATR (via Ugo Bassi 16) parte la passeggiata patrimoniale che sarà un’occasione unica per conoscere un po’ di storia dei quartieri vicini, scoprire luoghi individuati dagli abitanti del quartiere durante la Passeggiata Esplorativa della scorsa settimana, le persone e le realtà che vivono nel quartiere de I Portici e nell’area delle case popolari ACER.

Dettagli del progetto Linee di rigenerazione

Il progetto “Linee di rigenerazione” a cura di Spazi Indecisi, realizzato in partnership con Città di Ebla e la Coop. Casa del Cuculo e in collaborazione con Azienda ACER, coop.CAD, Università di Bologna e il Comune di Forlì, si è aggiudicato il premio “CREATIVE LIVING LAB II edizione” promosso dalla Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo.

“Linee di rigenerazione” opererà nel Quartiere San Pietro e Cotogni ed in particolare nell’area delle case popolari ACER, abitate da famiglie in stato di fragilità sociale ed economica, e nel quartiere Musicisti e Grandi Italiani nell’area dei Portici, caratterizzata da ampie aree verdi non progettate e negozi sfitti. 

Il progetto vuole abilitare le relazioni tra persone e città, rivitalizzando spazi ed aree inutilizzate (piazzette, porticati, corridoi, parcheggi, muri e zone interstiziali non utilizzate) attraverso micro-interventi di rigenerazione urbana che gli stessi cittadini concorreranno a definire, a costruire e poi a curare come aree gioco, orti pubblici, arredo urbano, ecc. 

In concreto il progetto prevede le seguenti fasi:

  • • Esplorazioni, passeggiate, sopralluoghi partecipati per mappare il quartiere e ricercare i luoghi con un potenziale di rigenerazione;

  • • Raccolta di foto, video e testimonianze per costruire una mappa emotiva del quartiere;

  • Laboratori di Quartiere per la scelta partecipata dei luoghi e per la coprogettazione dei dispositivi e degli interventi di rigenerazione;

  • • Workshop di design urbano per la progettazione e autocostruzione di dispositivi di rigenerazione a cura di Patrizia di Monte; Workshop di segnaletica urbana per connettere EXATR e i luoghi rigenerati a cura di Andreco; Inaugurazione delle linee di rigenerazione.

  •  

Linee di Rigenerazione

Un progetto di: Spazi Indecisi

In partnership con: EXATR, Città di Ebla, Casa del Cuculo

In collaborazione con: Comune di Forlì, ACER, Università di Bologna, CAD

Intervento promosso e sostenuto dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea e Rigenerazione Urbana del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.