6 novembre 2019 - Forlì, Cronaca

Forlì piange l'artista Angelo Ranzi

Venerdì i funerali, il ricordo di Zelli e Di Maio

E' scomparso l'artista forlivese Angelo Ranzi, deceduto, a 89 anni dopo alcuni giorni di ricovero, martedì all'Ospedale Morgagni-Pierantoni di Forlì. Ranzi, con al suo attivo oltre 250 mostre, era un artista che amava l'acquerello, gli oli e le illustrazioni e molte altre tecniche. Amava in particolare il tema religioso. Recentemente era stato insignito del titolo di Commendatore per i suoi meriti artistici. Il funerale sarà venerdì alle 10,30 nella chiesa di Sant'Antonio Abate in corso Diaz.

 

Il ricordo di Gabriele Zelli

La scomparsa di Angelo Ranzi priva la città di uno dei suoi artisti migliori, nonché di un cittadino esemplare.
In occasione di una delle sue ultime mostre, risalente al 2011, dal titolo "San Francesco secondo Ranzi", che fu allestita nei locali di quello che era il Centro Culturale San Francesco di via Marcolini a Forlì, troppo frettolosamente smantellato qualche anno fa, chiese a Marco Viroli e a Gabriele Zelli un contributo scritto per il catalogo. In quella occasione Zelli scrisse: «Conosco Angelo Ranzi da oltre trent'anni. Mi colpirono fin dall'inizio la sua signorilità e, nel contempo, la sua modestia, sia come uomo sia come artista. Da allora ho iniziato a frequentare le mostre che allestiva in città, apprezzandone le opere esposte perché capaci di rappresentare, in modo magistrale, i tanti momenti delle nostre collettività. Angelo Ranzi ha dato vita a diverse mostre che hanno segnato la vita artistica e culturale di Forlì, come ad esempio quella dedicata alla Romagna di Aldo Spallicci e quella che aveva come tema il Vangelo secondo Matteo».
Anche l'esposizione che fu ospitata nei locali del Centro Culturale San Francesco non fu da meno. Raccontare attraverso la pittura la vita del patrono d'Italia nell'anno del centocinquantesimo fu una sfida che Ranzi raccolse e affrontò con la sensibilità che gli era propria, con un misto di spiritualità e di attenzione alle cose materiali della vita, realizzando un corpus di opere capace di emozionare e di stupire. Marco Viroli nel suo scritto ricordava che «dopo l’imponente mostra “L’Apocalisse e la guerra” in cui spesso Angelo Ranzi lasciava illuminare la scena dalla luce del divino, unica speranza per un mondo alla fine di un ciclo, si cimenta con una nuova serie di opere inedite sulla vita del santo più amato e contestato della storia della Chiesa».«Ranzi descrive le scene della vita del “poverello d’Assisi” come se ne avesse preso parte lui stesso – scrisse allora Viroli – tanto da essere capace di coinvolgere a tal punto chi si pone di fronte all’immagine da trasmettergli emozioni talmente vivide da suscitare immedesimazione ed empatia».

 

Marco Di Maio (Italia Viva): "Forlì perde uno dei suoi interpreti più brillanti, la città sappia ricordarlo degnamente"

"Con la scomparsa di Angelo Ranzi, Forlì perde uno dei suoi interpreti più affezionati e brillanti. Un'artista a tutto tondo, capace di spaziare dalla pittura alla scultura fino all'incisione. Sorretto da una solidissima fede religiosa (tema a cui aveva dedicato molta parte delle proprie opere) era amato non solo per le sue qualità artistiche, ma anche per quelle umane. Sono certo che la città non lo dimenticherà e saprà ricordarlo degnamente". Lo afferma il deputato romagnolo di Italia Viva, Marco Di Maio.    

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.