23 ottobre 2019 - Forlì, Cronaca, Economia & Lavoro

Borsino professioni a Forlì-Cesena e Rimini ultimo trimestre 2019

Le imprese nel periodo ottobre-dicembre 2019 hanno programmato 13.260 entrate nelle province di Forlì-Cesena e Rimini

Continua a prevalere la previsione di entrate nel territorio di Forlì-Cesena (n. 6.780) rispetto a quello di Rimini (6.480) con un 21% di imprese che intendono attivare contratti per la prima provincia a fronte del 19% per la seconda, in crescita.

Gli ingressi del solo mese corrente, 2.610 a Forlì-Cesena e 2.530 a Rimini, pesano per il 16% sulle previsioni regionali (33.100) e quelli emiliano-romagnoli per l’8,5% sul dato italiano (391.000).

A livello nazionale sono il turismo, i servizi digitali e la meccatronica a guidare la crescita previsionale di contratti dell’ultimo trimestre dell’anno, con aumenti tendenziali rispettivi del 20%, 19% e 12,5%, nonostante tali settori evidenzino notevoli difficoltà di reperimento del personale. In ambito locale i settori che nel trimestre prevedono maggiori entrate sono per entrambi i territori il Turismo (Rimini 28% e Forlì-Cesena 16,5%), il Commercio (FC 21%, Rn 17%) e i Servizi alle persone (14% Rn e 12% FC). Altri principali settori di impiego in previsione da parte delle imprese di Industria e Servizi sono le Costruzioni (Rn 7%, FC 5%), i Servizi operativi e di supporto alle imprese e alle persone a Rimini per il 6,5% e le  industrie metallurgiche e dei prodotti in metallo a Forlì-Cesena per il 6%.

Permangono molto elevate in entrambe le province le difficoltà di reperimento nel mese di ottobre delle figure ricercate dalle imprese, che si verificano nel 39% a Forlì-Cesena e nel 36% dei casi a Rimini. Particolarmente difficile reclutare Cuochi, camerieri e altre professioni dei servizi turistici (FC 64,5% e Rn 58%), Operai nelle attività metalmeccaniche ed elettromeccaniche (Rn 64%, FC 59%), Tecnici delle vendite, del marketing e della distribuzione commerciale (FC 59%) e Conduttori di mezzi di trasporto (Rn 53%).

Le principali opportunità lavorative per i giovani con meno di 30 anni si concentrano nelle  Aree commerciali e della vendita a Forlì-Cesena (40%) e della logistica per la provincia di Rimini (39%).

La richiesta di laureati riguarda il 10% delle entrate a Forlì-Cesena e a Rimini il 12%; il fabbisogno di profili high skills, di dirigenti, specialisti e tecnici è pari al 15% per entrambi i territori, ancora ben al di sotto della media nazionale che si attesta attorno al 22%. Si conferma l’importanza di competenze per il digitale e green richieste dalle imprese subito dopo le cosiddette soft skills e prima di altre competenze tecniche.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.