14 agosto 2019 - Forlì, Cronaca, Economia & Lavoro

Imprese giovanili, rallenta la flessione. Contributo positivo da agricoltura e pesca

In Emilia-Romagna in un anno la perdita è di 723 imprese

Sono 28.067, il 7,0 per cento delle imprese regionali, la presenza più ridotta tra le regioni italiane, con una perdita di 723 aziende in un anno (-2,5 per cento). La discesa è però meno accentuata rispetto allo scorso anno. La tendenza è più pesante a livello nazionale (-3,1 per cento), solo lievemente più contenuta in Lombardia e Veneto, ma peggiore in Piemonte. Il crollo nelle costruzioni (-503 unità, -8,9 per cento) determina la tendenza insieme con la riduzione nel commercio (-244 imprese, -3,3 per cento).

L’unico contributo positivo continua a giungere dall’agricoltura e dalla pesca (+92 imprese, +4,0 per cento). A fine marzo in Emilia-Romagna, le imprese attive giovanili sono risultate 28.067, pari al 7,0 per cento delle imprese regionali, la quota più bassa tra le regioni italiane. In un anno la perdita è di 723 imprese (-2,5 per cento), mentre le altre imprese sono diminuite dello 0,7 per cento. A livello nazionale, le imprese giovanili scendono a 466.607 (-3,1 per cento), pari al 9,1 per cento del totale, mentre le altre imprese confermano la tendenza positiva e segnano un lieve aumento (+0,1 per cento). Questo emerge dai dati del Registro delle imprese delle Camere di commercio elaborati da Unioncamere Emilia-Romagna. Le imprese giovanili aumentano solo in Trentino-Alto Adige (+1,7 per cento). La flessione maggiore si è avuta in Calabria (-4,9 per cento). L’andamento negativo delle imprese giovanili risulta lievemente più contenuto in Veneto (-2,3 per cento) e in Lombardia (-2,3 per cento), mentre è lievemente più pesante in Piemonte (-2,8 per cento). I settori di attività economica. La diminuzione delle imprese giovanili è determinata soprattutto dal pesante crollo delle costruzioni (-503 unità, -8,9 per cento). A questo si è aggiunta la flessione delle impresedell’insieme dei servizi (-248 imprese, -1,3 per cento), frutto di tendenze settoriali differenziate. Nel settore del commercio la riduzione è marcata (-244 imprese, -3,3 per cento), mentre nell’aggregato di tutti gli altri settori dei servizi la consistenza delle imprese giovanili è rimasta invariata. Risulta sensibile anche la riduzione delle imprese dell’industria (-64 unità, -3,0 per cento). Contrariamente alla tendenza prevalente tra le altre imprese, risultano in buona crescita solo le imprese giovanili attive nell’agricoltura, silvicoltura e pesca (+92 imprese, +4,0 per cento). Tra le divisioni dei servizi si rileva l’aumento delle attività professionali, scientifiche e tecniche e di quelle immobiliari.

La forma giuridica. La riduzione è da attribuire alla flessione ampia delle ditte individuali (-680 unità, pari a -3,1 per cento). La caduta è più rapida per le società di persone (-6,0 per cento, pari a 116 unità). Entrambe sono da attribuire all’attrattività della normativa delle società a responsabilità limitata semplificata, che sostiene la crescita delle società di capitale (+121 unità, +2,7 per cento).

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.