12 aprile 2019 - Forlì, Cronaca

Il carcere di Forlì coinvolto in un progetto europeo che punta alla deradicalizzazione violenta

Il progetto F.A.I.R. associa dieci partner di nove nazioni europee ed è finanziato dal programma europeo “Justice”

C’è anche il carcere di Forlì fra le strutture penitenziarie italiane coinvolte da un importante e originale progetto europeo, che si occupa di un tema estremamente delicato: la deradicalizzazione violenta all’interno delle carceri. Il progetto si chiama “F.A.I.R. – Fighting Against Inmates’ Radicalisation”, associa dieci partner di nove nazioni europee ed è finanziato dal programma europeo “Justice” per un milione di euro. Ne è ideatrice e lead partner la Fondazione Nuovo villaggio del Fanciullo di Ravenna, e il responsabile del progetto è il direttore della Fondazione, Patrizio Lamonaca. Dopo oltre un anno di lavoro, il progetto ha già dato risultati interessanti messi a fuoco, fra l’altro, da due recenti convegni che la Fondazione ha coordinato a Brescia 8coinvolgendo 70 imam, guide spirituali che svolgono una funzione di primaria importanza all’interno del sistema penitenziario) e a Torino. Appuntamenti molto partecipati e con ospiti importanti, fra cui l’ex-estremista Oomar Mulbocus che vanta un’esperienza formativa a livello internazionale sulle tematiche della radicalizzazione violenta.

Da poco si è concluso, con il supporto di un manuale realizzato con la supervisione dell’Università di Malta, un programma di formazione gratuita che oltre a Forli ha interessato anche Torino, Firenze e Brescia, coinvolgendo oltre 150 operatori della società civile che operano all’interno degli istituti circondariali. I percorsi di formazione hanno avuto lo scopo di incrementare le competenze e conoscenze sul processo di radicalizzazione violenta anche attraverso testimonianze di familiari di estremisti.

Obiettivo finale del progetto FAIR è di realizzare uno studio di fattibilità di un centro di detenzione alternativa per persone detenute vulnerabili alla radicalizzazione violenta, finalizzato al reinserimento sociale. Il convegno finale, in programma a Bologna entro la fine del 2019, illustrerà i risultati finali del progetto alla presenza di tutti i partner europei. “Siamo molto soddisfatti perché l’Unione Europea ha riconosciuto l’interesse della nostra proposta e l’ha inserita fra i progetti da finanziare – sottolinea Paola Morigi, presidente della Fondazione nuovo Villaggio del Fanciullo -. Inoltre, anche grazie a FAIR la Fondazione allarga la sua attività in ambito internazionale, che già ci vede da tempo impegnati in Senegal, a dimostrazione di uno sforzo costante per crescere negli interventi di sostegno nei confronti di categorie svantaggiate di utenti.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.