20 marzo 2019 - Forlì, Agenda, Cultura

Tornano le Giornate Fai di Primavera: sabato 23 e domenica 24 marzo

Appuntamento dedicato alla scoperta e alla valorizzazione del patrimonio storico, artistico e paesaggistico.

Bologna - Tornano le Giornate Fai di Primavera. Sabato 23 e domenica 24 marzo sarà un week-end dedicato all’immenso patrimonio artistico e naturalistico del nostro Paese, in cui vengono aperti al pubblico in tutta Italia palazzi, musei, residenze, parchi e siti solitamente chiusi ai visitatori. Luoghi sconosciuti e spazi spesso “segreti”.

In Emilia-Romagna i beni fruibili sono 51 in 25 località,con più di 2mila studenti dei licei che faranno da guida - gli “apprendisti ciceroni” - in un incontro e uno scambio fra generazioni. Volontari del progetto “Fai ponte tra culture”, proporranno visite speciali in lingua (www.giornatefai.it).

Tra i luoghi aperti in Emilia-Romagna (nell’allegato sono indicati indirizzi, orari di apertura e modalità di accesso) si segnalano in particolare: il Palazzo Ducale a Modena; Villa Aldrovandi Mazzacorati e il teatro settecentesco a Bologna; Palazzo Romagnoli a Cesena; il Santuario della Beata Vergine della Suasia a Civitella di Romagna, in provincia di Forlì-Cesena; la Rocca Pallavicino-Casali a Monticelli d’Ongina (Pc); il Castello della Maggia di Gariga a Podenzano, sempre nel piacentino; Palazzo San Giacomo a Russi di Ravenna; la Chiesa dei SS. Girolamo e Vitale a Reggio Emilia; la Torre Campanaria a Pieve di Cento.

L’iniziativa è stata presentata oggi in Regione dal presidente della Regione Stefano Bonaccini. Presenti anche ilpresidente regionale Fai Emilia-Romagna Marina Senin Forni, il referente culturale Fai Emilia- RomagnaVincenzo Vandelli, il referente regionale Fai Emilia-Romagna Barbara Rossi e Albana Temali, rappresentante del gruppo Fai Ponte tra culture di Bologna.

“Ogni giorno sono nel territorio - afferma il presidente della Regione, Stefano Bonaccini - incontro le persone e le comunità locali di questa splendida regione: dalle aree appenniniche alla Costa, dalle città ai borghi montani, dai piccoli Comuni alla Bassa e le terre lungo il Po, e ogni volta scopro angoli e realtà di grande bellezza e suggestione. In Emilia-Romagna abbiamo 11 siti dichiarati patrimonio dell’umanità dall’Unesco, fra città d’arte e edifici storici, aree paesaggistiche e naturali. Per questo, mai come nelle Giornate Fai di Primavera, dovremmo avere la consapevolezza del tesoro che abbiamo fra le mani, per viverlo a pieno. Sono sempre di più gli italiani e gli stranieri che lo scoprono, visti i 60 milioni di presenze turistiche che abbiamo registrato nel 2018, ma certo è che il prossimo fine settimana abbiamo una grande occasione per rendere omaggio alla nostra terra, apprezzandola una volta di più: un’occasione davvero non perdere”. 

Fai, ponte fra culture

In particolare, quest’anno è stata data particolare rilevanza a un progetto che è divenuto nel tempo organico alla Fondazione. Si tratta di “Fai ponte tra culture”,che intende mettere in massimo rilievo l’importanza che l’accoglienza e la diffusione delle culture di diversa provenienza hanno portato al nostro patrimonio culturale. Il patrimonio viene valorizzato non solo dal punto di vista storico artistico ma anche antropologico, riscoprendo i legami, antichi o recenti, tra l’Italia e il resto del mondo, le reciproche influenze e connessioni.

Secondo Andrea Carandini, presidente Fai, “la nostra patria appare come un amalgama di metalli preziosi, di origine ora indigena, ora forestiera e ora perfino esotica, prodottosi nell’espressione geografica che viene considerata ancora oggi il più significativo e bel crogiolo del Pianeta. Nello spirito di questa lega specialissima di cui è composta la Nazione, il Fai presta al paese la sua opera sussidiaria in armonia con l’articolo 118 della Costituzione, essendo convinto che una pubblica opinione informata e attiva sia essenziale al Paese al fianco delle sue rispettate istituzioni. Proprio a partire dalla concretezza dei suoi beni, il Fai ha appreso che il carattere della patria sta nelle contaminazioni e nelle influenze che si sono rivelate non infezioni e malattie, ma opportunità molteplici da comporre come i colori: separati sulla tavolozza, e miracolosamente integrati nella pittura”. Per questo in tutta Italia sono stati riscontrate connessioni e contaminazioni che saranno messe in evidenza dalle stesse comunità straniere che vengono coinvolte nel progetto. In Emilia-Romagna sono state individuate influenze culturali straniere a Reggio Emilia nella Chiesa del Cristo e a Ravenna nella Chiesa dello Spirito Santo di rito ortodosso dove saranno cittadini rumeni, ucraini e moldavi ad accogliere il pubblico. Il progetto “Fai ponte tra culture” si realizza anche nelle numerose visite dei beni aperti nelle Giornate Fai di Primavera a cura dei mediatori culturali che, dopo un corso di approfondimento sulla storia e cultura delle città in cui risiedono, contribuiscono alla diffusione all’interno delle loro comunità d’origine della conoscenza della stessa iniziativa Fai.

I luoghi aperti nel Forlivese

A Forlì ci sarà la visita della Chiesa di San Giacomo Apostolo in San Domenico (piazza Guido da Montefeltro), del Palazzo del Merenda (corso della Repubblica, 72) e del Parco della Resistenza (piazzale della Vittoria) al mattino dalle 10 alle 12 e nel pomeriggio dalle 14,30 alle 17. Ciceroni saranno gli studenti della 4°A e 4°C del Liceo classico Morgagni e gli studenti dell’Istituto Tecnico Matteucci. Nel forese saranno visitabili il Santuario della Beata Vergine della Suasia a Civitella di Romagna, con concerto d'organo sabato alle 17 eseguito dalla pianista Anna Maria Cortini; Palazzo Baronale e chiesa a Cusercoli (anche in questo caso i ciceroni saranno degli studenti). A Santa Sofia apre  il Parco delle sculture all’aperto. Negli stessi orari sarà visitabile la mostra ‘Moreni ospita Afro’ allestita nella Galleria Stoppioni.“

I numeri Fai in Emilia-Romagna

Il Fai in Emilia-Romagna è rappresentato dalla presidenza regionale, dal referente regionale e da 10 delegazioni, 11 Gruppi Fai, più di 14.000 aderenti e 8 Gruppi Fai Giovani con oltre 1.400 ragazzi e ragazze coinvolti.

In allegato: elenco siti e orari di apertura - Un'immagine della conferenza stampa odiena, Villa Aldovandi Mazzacurati (Bologna) e la Chiesa dello Spirito Santo (Ravenna).
Orari - Si ricorda di verificare sul sito www.giornatefai.it gli orari delle aperture in quanto possono subire variazioni.

Foto - Altre immagini dei beni aperti durante Giornate Fai in Emilia-Romagna sono scaricabili dal seguente linkhttps://we.tl/t-V5bG2OQuFa

Segreteria FAI Emilia-Romagna

presso Palazzo Rossi Poggi Marsili - Via Marsala 7 40126 Bologna

Tel. 051/240650 E-mail segreteriafaiemiliaromagna@fondoambiente.it

Tag: FAI

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.