19 marzo 2019 - Forlì, Cultura

Lo Stelloncino - Il potere dell'interpretazione autentica

Le leggi non devono mai essere chiare, perché se lo sono, con la chiarezza si fornisce potere a chi legge

In quel di Bologna le misure antismog prevedono che quando il livello delle polveri sottili supera il livello consentito, il riscaldamento nelle abitazioni debba scendere da 20 gradi a 19. Paola Parenti abita in un condominio in cui la caldaia dell’impianto centralizzato viene correttamente gestita per adeguare la temperatura degli alloggi ai consentiti 19 gradi. Cittadina rispettosa, si è messa di buzzo buono per conoscere chi debba verificare il rispetto delle disposizioni, nell’interesse della salute di tutti noi. Nonostante l’impegno, non è riuscita a venirne a capo. Dal Comune ha appreso che “è la  Regione a dover agire”. In Regione le hanno risposto che "tocca al Comune, visto che la l’ordinanza antismog la promulga il Sindaco”. Secondo gli uffici comunali il Municipio “vorrebbe esercitare i controlli come già fa per ciò che riguarda la circolazione delle auto” ma sugli edifici è competente la Regione. Il Comune potrebbe quindi “esercitare  la sorveglianza solo quando la Regione, con adeguata delibera autorizzasse”: campa cavallo! La Regione ha fatto sapere che “ha competenza sul risparmio energetico, ma il provvedimento antismog è emergenziale e come tale compete al Sindaco”.

In altre parole: nessuno controlla. L’acuto articolista che ha portato alla luce la vicenda conclude con: “Meno male che il vento ha spazzato via le polveri con relative sospensione dell’emergenza, per qualche giorno non ci sarà bisogno di verifiche”. Antonio Pascale - ora il suo blog è ospitato dal quotidiano online Il Post - nel lontano 1989, come vincitore di concorso entrò al Ministero delle Politiche agricole dove  apprese che le leggi non devono mai essere chiare, perché se lo sono, con la chiarezza si fornisce potere a chi legge. “Il Superiore Ministero deve mantenere la possibilità della interpretazione autentica”. Per quanto riguarda le circolari scrive che il primo giorno di lavoro il vecchio direttore lo chiamò: “legga questa circolare esplicativa ancora in bozza e mi dica con tutta sincerità cosa capisce”. Quando il neofita più tardi, vergognandosi, balbettò “non ho capito niente”. Lui rispose: “bene, allora è perfetta!”

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.