24 gennaio 2019 - Forlì, Sanità

Chirurgia toracica, il nuovo primario è il prof. Franco Stella

nel 2018 sono stati nominati nuovi 5 primari

E' stato presentato mercoeldì mattina, in presenza del direttore sanitario dell’Ausl Romagnadottor Stefano Busetti e di Davide Drei, sindaco di Forlì, il nuovo direttore dell’UO di Chirurgia Toracica dell’ospedale di Forlì, Ravenna e Riccione, il prof.Franco Stella. Cinquantacinque anni, bolognese, si è Laureato in Medicina e Chirurgia e ha ottenuto la specializzazione in Chirurgia Toracica presso l'Università degli Studi di Bologna . Nel 2010 ha ottenuto l’abilitazione a Professore Associato presso l'Università degli Studi di Roma III – Policlinico Tor Vergata e dal 2012 è Professore Associato di Chirurgia Toracica presso l'Università degli Studi di Bologna.

Dal 2018 è direttore della Scuola di Specializzazione Chirurgia Toracica dell’Università di Bologna.

"Per la città di Forlì - ha spiegato il sindaco Davide Drei - si tratta di una nomina molto importante, sia per la sua caratteristica di hub della chirurgia toracica romagnola che per la collaborazione con l'Alma Mater Studiorum di Bologna, iniziata con la nomina del prof. Giorgio Ercolani. Pertanto, non possiamo che essere soddisfatti di questa nuova acquisizione per la sanità forlivese e romagnola." "Nel 2018  a Forlì sono stati nominati cinque nuovi primari, tra cui anche il direttore di distretto - spiega il dottor Busetti - e in Romagna,  dal 2016 al 2018, si è provveduto alla nomina di un totale di 55 nuovi primariati,  mentre, nel 2019, ne sono previsti altri sedici. L'arrivo del prof.Stella è sicuramente molto importante sia per il consolidamento della chirurgia toracica romagnola che per quello della rete oncologica. Si rafforza così, inoltre, il rapporto con l'Università di Bologna, una grande opportunità per la sanità romagnola."

"Forlì e la Romagna tra i primi centri di chirurgia toracica"

"La sanità romagnola - ha esordito il prof.Stella - vanta un grandissimo patrimonio di tipo professionale e tecnologico, oltre ad una casistica straordinaria. Grazie a questi fattori, Forlì e  la Romagna sono già considerati tra i primi centri di chirurgia toracica a livello nazionale e penso di poter affermare che nella Regione Emilia Romagna non esista un'esperienza con queste potenzialità. Per me, quindi,  si tratta di un'occasione e di una sfida molto importanti. Il tumore al polmone, che noi trattiamo, è la prima causa di morte oncologica negli uomini e la terza nelle donne. Qui in Romagna cercheremo di sviluppare sempre di più la chirurgia minivasiva e quella robotica per i tumori non avanzati e di collaborare con tutta la rete oncologica romagnola per il trattamento di quello ad uno stadio avanzato". Dal 1991 al 2000 il prof. Stella è stato Observer e Reserch Fellow presso il “Service de Chirurgie Thoracique, Vasculaire et Transplantation Cardiopulmonaire” del "Centre Chirurgical Marie Lannelongue Université Paris Sud" e dal 2002 al 2003, in regime di congedo straordinario dall'Università degli Studi di Bologna, in qualità di “Chirurgien Universitaire” ha svolto attività didattica, di ricerca ed assistenziale presso le “Service de Chirurgie Thoracique, Vasculaire et Transplantation Cardiopulmonaire” del "Centre Chirurgical Marie Lannelongue Université Paris Sud". Durante tale periodo ha tenuto insegnamenti di Chirurgia Toracica e tecnica chirurgica presso l'Université Paris Sud, ha coordinato e coordina un gruppo di studio nell'ambito di una ricerca sulla rivascolarizazione tracheale in corso di trapianto e sul trattamento chirurgico del cuore polmonare cronico postembolico, con studi in vivo e in vitro.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.