8 gennaio 2019 - Forlì, Cronaca

Lo Stelloncino - In Italia si diventa anziani dopo i 75 anni

Per aumentare il benessere e lo sviluppo sarebbe opportuno aumentare il numero dei lavoratori regolari

Si è svolto a Roma, dal 28 novembre al 1° dicembre, il 62° congresso della SIGG Società Italiana di Gerontologia e Geriatria che aveva come motto “Gli anziani: le radici da preservare”. Nel corso dei lavori Nicolò Marchionni, professore ordinario dell’Università di Firenze e direttore del dipartimento Cardiovascolare dell’Ospedale Careggi, ha affermato: “Un 65enne di oggi ha la forma fisica e cognitiva di un 40-50 di 30 anni fa.” Ha proposto quindi di alzare “l’asticella dell’età a una soglia adatta alle aspettative di vita nei paesi con sviluppo avanzato. I dati demografici ci dicono che in Italia l’aspettativa di vita è aumentata di circa 20 anni rispetto alla prima decade del 1900”. In estrema sintesi: in Italia si diventa anziani dopo i 75 anni, atteso che i maschi attualmente vivono in media fino a 81 anni e le femmine a 85.

La vulgata corrente è che un lavoratore maturo ruba, per così dire, il posto a un giovane. Con “quota 100” si è allora inventato una sorta di mantra che recita: “Mandiamo in pensione 400mila vecchi [di 62 anni! n.d.r.] e produrremo 400 mila posti per i giovani.” Ciliegina sulla torta è spuntato poi il divieto di cumulo fra pensione e redditi di lavoro superiori a cinquemila euro/anno, per incoraggiare il ricorso al “lavoro nero” e per scoraggiare l’auspicabile “invecchiamento attivo”. In Italia “lavorano regolarmente circa 23,3 milioni di persone per un tasso totale di occupazione del 58 % dei soggetti in età di lavoro. Nelle classifiche sui tassi di occupazione totale, femminile e giovanile […] fa peggio di noi solo la Grecia”. Per aumentare il benessere e lo sviluppo sarebbe quanto mai opportuno aumentare il numero dei lavoratori regolari atteso che “Non esiste un Paese al mondo che rinuncia all’esperienza di gente di 60–65 anni”. Secondo i dati Eurostat “nei Paesi dove gli anziani lavorano di più anche il tasso di occupazione dei giovani è più elevato, viceversa dove gli ultra 55enni lavorano meno come in Italia anche i giovani sono molto più disoccupati”.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.