3 gennaio 2019 - Forlì, Politica

Botta e risposta tra Lega e Possibile sull'applicazione del decreto sicurezza

Mezzacapo (LN) incalza "E' un'istigazione a delinquere", il comitato replica " Salvini chiese ai Sindaci di non applicare la Legge sulle Unioni Civili"

FORLI' - "E' un'istigazione a delinquere l'appello arrivato al sindaco di Forlì Davide Drei da "Possibile", ora partito a tutti gli effetti nato da una costola del Pd con Pippo Civitati in testa che chiede al primo cittadino forlivese di non applicare il Decreto Sicurezza appena approvato dal Parlamento e promulgato dal Presidente della Repubblica Mattarella". 

Daniele Mezzacapo, consigliere comunale della Lega a Forlì interviene duramente sulla richiesta di Possibile di Forlì-Cesena. 
"Spero di tutto cuore che il sindaco di Forlì ignori bellamente questo assurdo appello a non rispettare la legge. Sarebbe l'ultimo atto deleterio di una legislatura ondivaga e finita allo sbando.  Sarebbe un grave atto che metterebbe in difficoltà i cittadini forlivesi, solo per sostenere un'agguerrita e fuorilegge campagna elettorale della Sinistra che ormai ha capito che è finita un'epoca. Un periodo vissuto dagli italiani come una sorta di dittatura. Per questo, adesso, che è finita questi personaggi non accettano di non essere più al potere e sono disposti a fare di tutto, compreso violare le leggi".

"Drei sarebbe un autolesionista se rifiutasse di applicare il Dreceto Sicurezza a Forlì. Ora viene tirato per la giacchetta dagli ex del Pd  di Possibile, proprio quelli, insieme allo stesso Partito Democratico, che lo abbandonato quando la nave ha preso una brutta piega. Il fatto che la Sinistra non accetti di rispettare le leggi è qualcosa di gravissimo. Proprio la Sinistra che faceva di Mattarella un'istituzione sacra da rispettare con la massima religiosità, ora calpesta una legge firmata proprio dal presidente. Queste persone non valgono nulla e adesso è chiaro a tutti quello che noi della Lega abbiamo sempre pensato di loro". Poi Mezzacapo conclude dicendo a Possibile che ora non è più "possibile" violare le leggi.

 

LA REPLICA DEL COMITATO "POSSIBILE"

È divertente leggere che il consigliere della Lega Daniele Mezzacapo accusi Possibile di istigare il Sindaco di Forlì a "violare la legge", quando nel 2016 il capo della Lega e attuale Ministro degli Interni Salvini chiese ai Sindaci di non applicare la Legge sulle Unioni Civili! Due pesi e due misure?I

Il consigliere Mezzacapo fornisca esplicite dichiarazioni nostre in cui chiediamo di non rispettare le leggi. Semmai è il contrario, chiediamo a tutti, ad ogni livello, di rispettare le leggi e gli accordi internazionali, Ministri compresi.

Vorremmo ricordare al Consigliere Mezzacapo che esistono alcuni poteri e competenze che sono dello Stato e altri dei Sindaci che, quindi, negli ambiti di loro competenza possono operare anche su temi collegati al Decreto (in)sicurezza.
Chiediamo infine di leggere meglio i nostri comunicati: è del 14 dicembre la nostra richiesta, in cui chiediamo innanzitutto quali strumenti il Comune intenda mettere in campo per contrastare gli effetti negativi del decreto e quali quelli per aiutare tutti quelli che sono in difficoltà, che siano italiani o stranieri.

 

Comitato Possibile Forlì-Cesena

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.