15 novembre 2018 - Forlì, Agenda, Eventi

Paola Barbato inaugura "Parole in pentola"

Al via ciclo di cene con l'autore al ristorante "La Granadilla"

Parte il 16 novembre una nuova rassegna di cene con l’autore a Forlì, presso il ristorante La Granadilla. Un evento promosso dall’agenzia Archimedia come estensione invernale del Festival Caratteri d’autore.

Ospite della prima serata, in programma alle 20, sarà Paola Barbato, una delle regine del thriller italiano e sceneggiatrice di fumetti cult come Dylan Dog.

Sarà un’occasione per parlare in particolare dell’ultimo libro Io so chi sei (Piemme), ma ci sarà spazio per allargare il discorso alla sua poliedrica produzione e alle curiosità del pubblico.

Menù fisso vegetariano a 20 euro, compreso di entree, portata principale e torta. Il tutto servito in abbinamento dal vino dei Poderi del Nespoli, che accompagnerà la rassegna. Sarà presente ovviamente il banco vendita per l’acquisto del libro.

 

L’autrice 

Classe 1971, è milanese di nascita, bresciana d'adozione, prestata a Verona dove vive con il compagno, tre figlie e tre cani. Scrittrice e sceneggiatrice di fumetti, tra cui Dylan Dog, ha pubblicato Bilico, Mani nude (vincitore del Premio Scerbanenco), Il filo rosso, Non ti faccio niente e Io so chi sei (il primo titolo di una trilogia). Ha scritto e co-sceneggiato per la Filmmaster la fiction Nel nome del male, con Fabrizio Bentivoglio.

 

Il libro

Un cellulare finito per sbaglio tra la posta.

Due messaggi in rapida successione: «Sai chi sono? - Io so chi sei».

Da questo momento la tua vita non ti appartiene più.

Sono passati solo due anni, e di tutto ciò che è stata non è rimasto nulla.

Lena era brillante, determinata, brava a detta di tutti, curata, buona. Poi nella sua vita era entrato Saverio, e tutto era stato stravolto. Quel ragazzo più giovane, che viveva per essere contro qualsiasi regola, pregiudizio, conformità, l'aveva trasformata. E non erano solo i vestiti, i capelli, le parole. Era lei, le sue sicurezze, il suo amor proprio. Tutto calpestato in nome di un amore che agli occhi di tutti gli altri era solo nella sua testa. Il giorno in cui lui era finito in Arno, dato per disperso prima e per morto poi, qualcosa in Lena si era spento definitivamente.

Sono passati due anni, e di Saverio le resta il cane Argo, che ancora la vive come un'usurpatrice, e un senso di vuoto dolente e indistruttibile. La sera in cui trova nella cassetta della posta un cellulare,

Lena pensa che si tratti di uno scherzo, oppure di uno sbaglio. Ma bastano pochi minuti per rendersi conto che quell'oggetto può cambiare la sua vita. Perché i messaggi che arrivano, e a cui lei non può rispondere, parlano di cose che solo Saverio può sapere. E quindi è vivo. È tornato. Così, senza che Lena se ne accorga, quell'oggetto diventa l'unica linfa vitale a cui abbeverarsi, e non importa che i messaggi siano sempre più impositivi e le ordinino di commettere atti di cui mai si sarebbe pensata capace. Perché se lei farà la brava, lui rientrerà nella sua vita. O questo è ciò che pensa. Almeno fino a quando le persone che le stanno intorno cominciano a morire. E il gioco si fa sempre più crudele. E la prossima vittima prescelta potrebbe essere lei.

 

Paola Barbato, in una corsa contro il tempo, ci porta nell'abisso della mente umana, dove paure, passioni e ossessioni si legano inestricabilmente e, a volte, ci stritolano. Io so chi sei è il primo episodio di una trilogia che vi condurrà, un passo dopo l'altro, in una spirale di angoscia.

Ancora pochi posti a disposizione. Prenotazioni al numero 0543-1771113 oppure 371 3732848. Il 14 dicembre sarà la volta di Simone Tempia e l’ultimo libro dedicato ai suoi dialoghi intimi e surreali di Vita con Loyd.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.