30 ottobre 2018 - Forlì, Società

Lo Stelloncino - Scuola, sarà una nuova maturità?

Il ministro Bussetti ha diminuito le ore per l'alternanza scuola-lavoro, ma la diminuzione della prove è opera del precedente governo

L’insegnamento è attività tesa a segnare trasmettendo un metodo e contenuti che dovrebbero consentire di vivere in modo consapevole nel proprio contesto. Insegnamento deriva infatti dal latino insignare composto dal prefisso in unito al verbo signare (imprimere, fissare, segnare) che a sua volta rimanda al sostantivo signum (marchio, sigillo).

I ministri che si sono succediti alla guida del MIUR - Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca - hanno certamente lasciato il segno; la così detta “maturità” prova di fine ciclo degli studi, istituita dal ministro Giovanni Gentile nel lontano 1923, è infatti “mutata più negli ultimi vent’anni che nei precedenti settanta”.

Ad anno scolastico iniziato, con la circola dello scorso 4 ottobre, il ministro Bussetti annuncia che le prove scritte saranno due, per l’ammissione all’esame non saranno requisiti di accesso né la partecipazione, durante l’ultimo anno, alla prova nazionale Invalsi – che comunque si farà a marzo - né lo svolgimento delle ore di alternanza scuola lavoro, pratica introdotta dalla riforma della ‘Buona scuola’ del governo Renzi.

Il credito scolastico maturato nel corso dell’ultimo triennio varrà fino a 40 punti e non più 25, mentre saranno introdotte griglie di valutazioni nazionali per la correzioni delle prove scritte.

E’ superficiale ritenere i mutamenti siano da attribuire al “Governo del cambiamento”; anche se è pur vero che Bussetti c’ha messo del suo diminuendo drasticamente le ore di alternanza scuola lavoro. I lavori della Commissione che ha proposto la diminuzione delle prove scritte da tre a due, dettandone gli obiettivi da conseguire, è stata istituita in realtà dal precedente ministro, Valeria Fedeli e guidata da Luca Serianni, uno dei nostri migliori linguisti.

C’è da augurarsi che i mutamenti introdotti abbiano successo e stabilizzino la maturità. Quando così non fosse? Altra riforma è in agguato, per lasciare il segno, se non il sigillo, di altro ministro.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.