8 settembre 2018 - Forlì, Cronaca, Società

Chiesina del Miracolo di Forlì: in corso i lavori di restauro del dipinto murale sopra la porta

I clubs service cittadini hanno finanziato l'intervento

Saranno a breve conclusi i lavori di restauro del dipinto murale posto sopra la porta di accesso della chiesina del miracolo di Forlì e una testimonianza storica della devozione forlivese della Madonna del Fuoco sarà restituita alla città. Il piccolo edificio di culto di via Leone Cobelli, come viene raccontato nel volume "Forlì. Guida alla città" di Marco Viroli e Gabriele Zelli, si trova esattamente nel luogo dove, nella notte tra il 4 e il 5 febbraio 1428, avvenne il miracolo della Madonna del Fuoco. 

"Al posto della chiesetta–  scrivono gli autori – vi era la casa, adibita a scuola, del maestro Lombardino da Rio Petroso, che restò completamente distrutta da un incendio da cui tuttavia si salvò miracolosamente una xilografia su carta, rappresentante la Vergine con il Bambino, risalente alla fine del XIV secolo. Tra i testimoni dello straordinario evento pare vi sia stato anche Ugolino da Forlì, arcidiacono del Duomo, compositore e teorico della musica, a cui è attribuita l’invenzione del pentagramma. La xilografia, poi denominata “Madonna del Fuoco”, fu trasferita e conservata nel Duomo di Forlì dove, dal 1636, fu collocata in una cappella a lei dedicata".

La costruzione della chiesa del Miracolo, commissionata dall’ex gesuita Andrea Michelini, ebbe inizio nel 1797, su progetto dell’architetto forlimpopolese Ruffillo Righini. A causa dell’ingresso delle truppe napoleoniche a Forlì, i lavori subirono una immediata battuta d’arresto.
Nel 1815, la realizzazione venne ripresa sulla base del progetto elaborato dall’architetto forlivese Luigi Mirri e venne portato a termine nel 1819. L’architetto forlivese si occupò anche degli interni, evidenziando doti di valente scultore. Al termine dei lavori, dell’iniziale progetto del Righini restò solo il minuscolo campanile laterale. 
La facciata, in stile neoclassico, presenta un insolito andamento semicircolare a invito. Nella lunetta collocata sopra l’ingresso si può ammirare il miracolo dell’incendio, un dipinto murario monocromo attribuito al pittore bolognese Gandolfi, che si presentava seriamente deteriorato. È per questo che i Clubs service cittadini: Forlì Host, Forlì Valle del Bidente, Giovanni de' Medici, Forlì-Cesena Terre di Romagna e il Rotary Club Forlì, hanno deciso di finanziare un intervento di restauro prima che l'opera scomparisse per sempre. I lavori sono iniziati lo scorso mese di luglio quando, per prima cosa, i restauratori Arianna Piolanti e Andrea Giunchi hanno effettuato la pulitura della superficie pittorica, il consolidamento degli intonaci attraverso iniezioni di malte e la stuccatura delle parti di superficie degradate. Attualmente è in corso un intervento per la reintegrazione pittorica delle parti dove il dipinto presenta lacune e lacerazioni. 
 

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.