22 agosto 2018 - Forlì, Cronaca

Spaccio al Parco Franco Agosto, arrestato 26enne

Alla vista delle forze dell'ordine ha tentato la fuga ma è stato bloccato dagli agenti

FORLI' - Altra operazione andata a buon fine per la Sezione Antidroga della Squadra Mobile di Forlì che questa volta ha bloccato un giovane pakistano  (A.B. le sue iniziali) di 26 anni che da diverso tempo nelle ore pomeridiane e serali era solito incontrare giovani acquirenti, tra questi anche diversi minori, vicino al ponte di ingresso del Parco Urbano Franco Agosto. Talvolta il giovane per non dare nell’occhio si spostava in prossimità dei bagni per la cessione di pacchettini di marijuana contraddistinti da involucri di nylon nero.

 

L'INTERVENTO DELLE FORZE DELL'ORDINE

Il servizio di osservazione effettuato nei suo confronti è andato avanti diverso tempo e ha consentito alle forze dell’ordine di coglierlo con le mani nel sacco mentre stava consegnando un involucro ricevendo in cambio da un ragazzo due banconote da 50 euro. I due a quel punto si sono accorti della presenza della Polizia e hanno tentato di darsi alla fuga prendendo direzioni differenti nella speranza di far perdere le proprie tracce. Solo l’acquirente è riuscito, tuttavia a darsi alla macchia. Lo spacciatore,  che si era attardato a lanciare degli involucri in una siepe, è stato bloccato dopo una breve colluttazione con uno degli investigatori che gli aveva tagliato nel frattempo la via di fuga.

 

RECUPERATI SOLDI MA ANCHE SOSTANZE STUPEFACENTI

Una volta perquisito gli agenti lo hanno trovato in possesso di 3 involucri cotenenti marijuana, 300 euro in contanti e due telefoni cellulari ancora su cui convergevano numerose chiamate. Ispezionando poi la siepe la Polizia ha recuperato altri 3 involucri sempre di marijuana per un peso di 30 grammi.

Nella casa del giovane, che abitava a poche centinaia di metri dal parco sono stati trovati altri 62 grammi di marijuana ed un bilancino di precisione per il confezionamento delle dosi. Il 26enne è stato arrestato (P.M. Dr.ssa Federica MESSINA) e ieri dopo il processo con rito direttissimo è stato condannato ad un anno di reclusione con pena sospesa.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.