Agromafie e caporalato, LeU Forlì: "Sì a tavolo provinciale sullo sfruttamento in agricoltura "

Dopo la presentazione dei dati sulle agromafie e il caporalato in provincia

La recente presentazione dei dati contenuti nel Rapporto sulle agromafie e il caporalato, curato dall’Osservatorio Placido Rizzotto, relativi alla nostra provincia ha fornito le esatte dimensioni di un fenomeno, quello dello sfruttamento dei lavoratori del settore agricolo, di  cui si conosceva l’esistenza ma si era ancora faticato a comprendere la portata.

Nel solo territorio di Forlì, Meldola e Predappio si stimano circa 200 braccianti, “arruolati” da caporali e sfruttati da datori di lavoro senza scrupoli fino a 12 ore al giorno, sette giorni la settimana e per un salario di poche decine di euro. Il fenomeno, dopo una flessione negli ultimi anni, sembra andare allargandosi nuovamente e coinvolge ormai non solo migranti ma anche italiani in gravi difficoltà economiche e non solo braccianti ma anche badanti e lavoratori dei servizi sulla Riviera.

 

Liberi e Uguali di Forlì, in una nota, esprime condanna "con la massima durezza lo sfruttamento selvaggio e indiscriminato di questi lavoratori, ridotti in una condizione di semischiavitù e privati della possibilità di integrarsi nella nostra comunità e i danni che tale genere di concorrenza illegale infligge all’agricoltura sana e agli imprenditori onesti".

"Nel nostro programma – continua – per le scorse elezioni avevamo scritto che ci saremmo impegnati a combattere ogni forma di prestazione lavorativa che violasse le normative vigenti o la contrattazione nazionale. Con questo spirito, chiediamo che il Governo ritiri immediatamente gli annunciati propositi di depotenziare la legge 199/2016, che ha mostrato risultati incoraggianti nella lotta contro i caporali, e  di reintrodurre nel settore agricolo i voucher, strumenti che autorevoli osservatori hanno sostenuto favoriscano questo tipo di violazione delle norme a tutela dei lavoratori. Chiediamo invece un potenziamenti dei fondi e delle dotazioni per gli Ispettorati del Lavoro.

A livello locale, ci associamo alla richiesta della FLAI-CGIL di una ripresa del tavolo provinciale sul caporalato e lo sfruttamento in agricoltura, che ritieniamo strumento adeguato per organizzare in maniera efficiente il contrasto di questo genere di pratiche criminali."

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.