10 luglio 2018 - Forlì, Cronaca, Economia & Lavoro

“In Emilia-Romagna più di 200mila lavoratori in nero", la denuncia di Tullia Bevilacqua (Ugl)

Lavoratori invisibili che ogni giorno si recano nei campi, nei cantieri, nei capannoni o nelle case degli italiani

In Emilia-Romagna si calcola siano più di 200mila (206.700 per l’esattezza)  "lavoratori in nero", in gran parte stranieri, ma non solo. Ovvero: “Lavoratori invisibili” che ogni giorno si recano nei campi, nei cantieri, nei capannoni o nelle case degli italiani per prestare la propria attività lavorativa. Le stime elaborate dall’Ugl su dati Cgia di Mestre.

“Questi lavoratori, pur essendo sconosciuti all’Inps, all’Inail e al fisco, producono  effetti economici che hanno rilevanza nel tessuto socio-economico del territorio di pertinenza” commenta Tullia Bevilacqua, segretaria generale di Ugl Emilia-Romagna.

“L’Emilia-Romagna è in assoluto la sesta regione d'Italia per lavoratori irregolari dopo Lombardia, Lazio, Campania, Sicilia e Puglia, il lavoro nero produce 3 miliardi e 118 milioni di gettito evaso al fisco e 5.6  miliardi di euro di valore aggiunto sommerso, pari al 4,2%  del  Pil regionale”, spiega la segretaria Tullia Bevilacqua.

Per avere un termine di paragone:  la regione dove il fenomeno è più grave è la Calabria che pur presentando sulla carta un minor numero di lavoratori irregolari rispetto all’Emilia-Romagna (146 mila) vanta un’incidenza  del valore aggiunto da lavoro irregolare maggiore sul Pil regionale (il 9,9%)   quasi doppio rispetto al dato medio nazionale (5,2%).

“In Italia i “lavoratori invisibili” che ogni giorno lavorano non meno di 8 ore in nero censiti dalla Cgia di Mestre sono 3,3 milioni. Una cifra in difetto se si calcola anche la manodopera dell’economia criminale presente soprattutto nel Sud Italia. E infatti, oltre alla Calabria, nei primi tre posti per evasione fiscale e contributiva figurano Campania e Sicilia. Mentre le regiioni più virtuose sono al Nord: Veneto e Lombardia che comunque – in quanto regione che produce più opportunità di lavoro - conta  il numero più alto d'Italia di lavoratori irregolari  ben 484.700” aggiunge Tullia Bevilacqua.   

 

Oltre al lavoro nero il caporalato

L’Ugl Emilia-Romagna ricorda che nella nostra regione oltre al lavoro nero figura quella forma di sfruttamento particolarmente odiosa che è il caporalato, inteso non soltanto come sfruttamento ma anche come mancanza di sicurezza per la manodopera.

E nella galassia del lavoro nero – anche in Emilia-Romagna – si devono contare i casi di lavoratori dipendenti che fanno il secondo/terzo lavoro, di cassaintegrati o pensionati che arrotondano le magre entrate o da disoccupati che in attesa di rientrare nel mercato del lavoro sopravvivono “grazie” ai proventi riconducibili ad attività irregolari.

“In Emilia-Romagna scontiamo anche il triste primato delle morti bianche e i due fenomeni sono in realtà strettamente legati. Questa situazione complessiva è frutto anche  della crisi da una parte, che ha portato al ribasso la produzione e la concorrenza , e delle politiche governative dall’altra che hanno affossato l’economia e il lavoro nel nostro paese a suon di jobs act e tagli alle  risorse pubbliche  che dovrebbero far funzionare la macchina dei controlli istituzionali. Gli ingenti tagli praticati  in questi anni dallo Stato, in termini di uomini e mezzi,  hanno reso più insicuro e povero il Paese e il  lavoro precario è diventato un riparo per i tanti  giovani e meno giovani che affollano le liste dei disoccupati. Il nostro auspicio è che vi sia nelle politiche governative nazionali ed anche regionali – chiediamo al governatore Bonaccini più risorse - una netta inversione di tendenza  che rimetta  i diritti e la giusta  retribuzione al centro dell’economia e il lavoro” conclude la segretaria generale di Ugl Emilia-Romagna, Tullia Bevilacqua.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.