10 gennaio 2018 - Forlì

Campus universitario: inaugurato il padiglione centrale e il collegamento urbano con il centro storico

Intervento per un importo lavori complessivo di Euro 3.550.000, finanziato da Università di Bologna

Inaugurati oggi, alla presenza del Rettore Francesco Ubertini, del sindaco di Forlì Davide Drei, del presidente del Campus di Forlì Felix San Vicente e del delegato all’Edilizia dell’Unversità Riccardo Gulli, il Padiglione centrale del Campus Universitario e il nuovo collegamento urbano con il centro storico cittadino. L’intervento, per un importo lavori complessivo di Euro 3.550.000, è stato finanziato da Università di Bologna e Comune di Forlì.

 

L’inaugurazione del Padiglione ha fornito anche l’occasione per firmare il nuovo Accordo Attuativo che permetterà la conclusione della realizzazione del Campus Universitario di Forlì. Con questo accordo infatti, Università, Comune di Forlì e Fondazione Cassa di Risparmio di Forlì hanno siglato l’impegno esplicito di finanziare i lavori di recupero e risanamento conservativo dei Padiglioni Sauli e Saffi per un totale di 9.500.000€. Fondamentale in questo è stato anche l’apporto di Ser.In.Ar. che contribuirà per 2 milioni di euro tramite i suoi soci tra cui anche la Provincia di Forlì-Cesena, Il Comune di Predappio e la Camera di Commercio di Forlì-Cesena.

Grazie a questa firma è ora possibile proseguire con le successive fasi di affidamento ed esecuzione dei lavori per cui si stima di espletare la procedura di gara nel 2018 per poi iniziare i lavori nel 2019 e completarli mei primi mesi del 2021.

 

La sequenza di Padiglioni, denominata Sauli-Saffi, è l’elemento più caratterizzante oltre che il perno centrale dell’impianto originario dell’ospedale. Il progetto realizzato ribadisce questo ruolo preminente, facendone il centro dell’intero sistema del Campus e l’incrocio, a tutti i livelli, del “cardo” storico e del “decumano”, ovvero le due arterie primarie di organizzazione dei percorsi universitari. A tal fine, l’intervento comprende anche il restauro del portico che collega il Padiglione d’ingresso con il primo piano del Padiglione centrale. La continuità del percorso è stata garantita inserendo una pensilina di vetro e acciaio a ridosso del Padiglione di ingresso, così come un ponte coperto in vetro e acciaio collega il porticato al primo piano del Padiglione centrale.
 

"Il 2017 si è chiuso con l'apertura del Parco del Campus di Forlì – ha detto il Rettore Ubertini - e il nuovo anno si apre con un'altra importante opera per il nostro Ateneo: un progetto che porta avanti il piano di infrastrutture pensato per la comunità universitaria e i cittadini di Forlì. Il Padiglione centrale che inauguriamo oggi rappresenta l'impegno dell'Alma Mater verso il compimento delle opere pianificate per migliorare i servizi e la vita di chi vive questi spazi".

 

“Oltre a completare i servizi per la didattica, - ha aggiunto il Presidente del Campus di Forlì Felix San Vicente - la rigenerazione dell’edificio permette di centralizzare e evidenziare diverse proposte come i master, il Cento Linguistico di Ateneo,  il Punto Europa e il Centro Universitario sportivo, tutti servizi  di particolare interesse per i nostri studenti e per un Campus dinamico e aperto alla cittá.”

 

“Per la prima volta nella storia di Forlì, il recupero appena ultimato del corpo centrale del Padiglione consente di attraversare l’area dell’ex-ospedale dal centro storico, che ne costituiva l’ingresso originario, mettendola in collegamento diretto con la città contemporanea – ha dichiarato il Sindaco di Forlì, Davide Drei -. La realizzazione di questa importante opera, che segue di poco la restituzione alla comunità di un ampio bacino verde quale è il Parco del Campus, rappresenta il primo di una serie di interventi, già finanziati, che porteranno al risanamento conservativo e al completamento dei due padiglioni laterali del Sauli-Saffi. Oggi diamo compimento ad un progetto che molto ci sta a cuore e che ci ha visti impegnati in questi anni nella rigenerazione di un’area strategica, con l’obiettivo di fare dell’Università, anche dal punto di vista urbanistico, un ponte tra tradizione e innovazione, tra presente e futuro, sempre più incardinata nella vita culturale e sociale della nostra città”. 

 

L’accesso al Padiglione avviene anche tramite un sistema di rampe dal carattere dichiaratamente urbano che serve le quote principali, piano terra e primo piano,  aperte al pubblico: da un lato, un’ampia scalinata in pietra e cemento, dall’altro una rampa realizzata in cemento, che consentono l’accesso diretto al livello seminterrato. Per fare ciò è stato necessario modellare il terreno in modo da abbassare la quota in corrispondenza degli accessi. In tal modo un altro degli assunti di progetto ovvero quello di rendere “urbana” la quota seminterrata dell’ex-ospedale diviene effettiva.

 

Il corpo centrale, destinato in parte ad aule per la didattica e in parte alla connessione con il Trefolo, anche dal punto di vista funzionale  è il vero snodo tra la parte storica recuperata e il nuovo sistema lineare della didattica.

Al piano terra, oltre al nuovo ingresso al Trefolo, sono previsti il blocco servizi, il locale ristoro, il punto informazioni e lo spazio deposito. Al primo piano si trovano quattro aule didattiche con l’atrio principale, il punto informazioni, da qui ci si collega con un ponte metallico al secondo tubo (B) del Trefolo che, oltre a raggiungere i blocchi della didattica, accoglie postazioni per lo studio individuale.

Al secondo piano si trovano quattro aule didattiche, da qui ci si collega con un ponte metallico al terzo tubo (C) del Trefolo che, oltre a raggiungere i blocchi della didattica, accoglie postazioni per lo studio individuale e aulette per lo studio di gruppo.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.