5 dicembre 2017 - Forlì, Cesena, Società

Triste e breve storia, di ordinaria burocrazia

Sanità, spesso il cittadino “fai da te” risolve le questioni

 

Il Cittadino pensionato si reca un giovedì al CUP, per regolarizzare le prime che che l’Ospedale ha già prestato il giorno precedente al congiunto, residente in altra Regione ma presso di lui domiciliato. Alla presentazione della documentazione fornita dall’OSpedale la solerte impiegata cerca di depistarlo affermando, con bella sicurezza, che è competente il CUP del residente; vi si rechi quindi per l’inoltro. Solo dopo garbate insistenze in merito alla possibilità di provvedere alla bisogna, inviando la documentazione online si allontana per consultazioni. Al ritorno la pratica è O.K.

Il venerdì seguente il cittadino riceve una convocazione telefonica: “Si presenti domani al CUP, sportello n° 6, senza prendere il numero, per comunicazioni”.

 

Di sabato la sala d’attesa è vuota; il nostro pensionato accede allo sportello n° 6, non presidiata al pari degli altri, constatando di essere l’unico avventore. Dopo breve attesa si materializza la titolare, diversa da quella incontrata il giovedì che lo accoglie con un deciso: “Non ho chiamato nessuno!”. Il tentativo di spiegare le ragioni per cui si sia presentato allo sportello viene frustrato da un secondo: “Non ho chiamato nessuno” con voce alterata. Al terzo: “Le ho detto che non ho chiamato nessuno!” gridato, il paziente cittadino al quale non è stato concesso di spiegare perchè si trovasse mai di sabato “allo sportello 6” si ricorda di pagare regolarmente le imposte - è notorio che il pensionato non evade - grida più forte: “Mi avete convocato voi!”.

 

Il grido fa sì che da uno sportello d’angolo una voce lo convochi per spiegargli poi, in modo arruffato e incomprensibile, perché la pratica il giovedì precedente fosse stata erroneamente accettata. Il cittadino lascia scorrere il fiume di parole, riprende la sua documentazione e saluta con un gelido: “La pratica non è stata gestita in modo professionale!”

 

Il lunedì successivo, con una telefonata e un fax al CUP del residente, il cittadino “fai da te” ha risolto.

 

Tomaso Tomai

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.