11 novembre 2017 - Forlì, Società

Le suore Dorotee lasciano Forlì dopo 167 anni di presenza

Domenica 12 a San Mercuriale il ringraziamento della diocesi

Mercoledì 15 novembre le suore Dorotee lasceranno definitivamente Forlì. Dopo 167 anni di presenza le ultime tre religiose rimaste in città, la superiora suor Francalisa Bonelli, suor Orsolina Fighera e suor Anna Clara Pirazzo partiranno da palazzo Monsignani, in via dei Mille 3, per la loro nuova destinazione, in provincia di Treviso.

Negli ultimi anni altri religiosi hanno lasciato Forlì: prima i Cappuccini di Santa Maria del Fiore, poi i Carmelitani di corso Mazzini e nel 2016 i Minori Francescani di corso Garibaldi e Montepaolo.

La partenza definitiva delle Dorotee è stata annunciata giovedì 9 novembre dal vescovo monsignor Lino Pizzi durante l’incontro dei sacerdoti che si svolge mensilmente in seminario.

D’accordo coi sacerdoti il Vescovo ha deciso di ringraziare pubblicamente le Dorotee per il loro lungo servizio domenica 12 novembre, alle 19, a San Mercuriale, durante la messa presieduta dallo stesso mons. Lino Pizzi in occasione del 65° anniversario della morte di don Pippo.

Era il novembre 1850 quando le prime cinque suore Dorotee arrivarono per la prima volta a Forlì. Nel 1882 si trasferirono a palazzo Monsignani che nel corso degli anni è stato sede delle scuole materna, elementare e media e anche ospedale militare. Oltre all’opera educativa le suore hanno svolto anche servizio pastorale in molte parrocchie. Nel 1907 aprì la comunità a Schiavonia, nel 1936 ai Cappuccinini e al collegio Sant’Anna, nel 1958 a Villanova e nel 1961 a Bussecchio. Un po’ alla volta queste comunità hanno chiuso, ma le suore hanno continuato il loro servizio nella scuola in via dei Mille fino al giugno 2016 quando ha chiuso anche la scuola materna.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.