11 novembre 2017 - Forlì, Cronaca, Sanità

Chirurgia robotica, si è conluso al Pierantoni il convegno nazionale in occasione del decennale

Centinaia i partecipanti e grande riconoscimento al lavoro svolto

Si è concluso oggi  il "Primo Congresso Nazionale - Chirurgia robotica: modelli organizzativi e sostenibilità",  organizzato all'ospedale Morgagni-Pierantoni di Forlì, in occasione dalla ricorrenza del decennale della chirurgia robotica a Forlì.  Centinaia i partecipanti e grande riconoscimento, da parte di tutti i relatori e le autorità al lavoro svolto dal team robotico forlivese in questi primi dieci anni.

Nella giornata di ieri il sindaco di Forli,  Davide Drei  ha ricordato l'importanza degli investimenti in tecnologia per la sanità pubblica,  è intervenuto il  direttore generale  dell'Ausl Romagna, Marcello Tonini,  che ha  sottolineato il "grande stato di avanzamento della chirurgia robotica in Romagna  e  di  come ora la sfida sia andare oltre i confini territoriali e far comprendere che questa tecnologia è il futuro per ogni ospedale"

D'altro canto anche l'assessore alla Sanità dell'Emilia Romagna, Sergio Venturi, ha ribadito come l'  ospedale di  F orli  sia ormai  in grado di porsi come centro di riferimento di chirurgia robotica e oncologica nella pianificazione regionale, tenendo conto della  propria esperienza e vocazione. 

Il Presidente della Regione, Stefano Bonaccini, ha ribadito  poi  l'impegno a potenziare  sempre di più  la sanita regionale, continuando ad investire in innovazione, perché se "cresce l'Emilia Romagna cresce il paese " e ha riconosciuto la chirurgia robotica romagnola  come  esempio  di eccellenza.

 

Il robot Da Vinci forlivese fu utilizzato inizialmente per l’urologia ed in breve tempo esteso a tutte le  sette  discipline chirurgiche del nosocomio forlivese, una mostra ne ripercorre la storia, fin dal 2007, da quando la locale fondazione bancaria donò un milione mezzo di euro per il suo acquisto.

La Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì fece una prima donazione, nel 2006, all’allora Ausl di Forlì, acquistando il sistema robotico Da Vinci IS 2000 e successivamente, nel 2012, acquisendo il nuovo robot chirurgico Da Vinci IS 3000. Il secondo importante acquisto venne fatto per consentire, al nosocomio e ai suoi professionisti, di rimanere sempre all’avanguardia in quest’ambito di cura e di ricerca. Fortemente significativi  i dati di attività robotica registrati dall'ospedale di Forlì e suddivisi in  ben sette  discipline chirurgiche:

 

Periodo attività         Specialità                                             N° interventi        
2008-2017               O.R.L.                                                          503    
2008-2017              CHIRURGIA TORACICA                           127        
2010-2017              CHIRURGIA BARIATRICA                          89        
2007-2017              GEM                                                            459        
2011-2016              TOA                                                               48        
2013-2017             GINECOLOGIA                                            73        
2008-2017             UROLOGIA                                                307   

     
Totale           1606

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.