12 settembre 2017 - Forlì, Meteo

Maltempo. L'assessore regionale all'Ambiente al ministro Galletti: "Sì a un Servizio meteorologico nazionale

"I patrimoni meteorologici e climatologici delle regioni e dello stato sono consistenti ma troppo frammentati"

Bologna - “Sono d’accordo con il ministro Galletti, quello di cui il Paese ha bisogno è un Sistema nazionale meteorologico, in grado di mettere a sistema e in valore la grande esperienza e professionalità sviluppata sia a livello centrale che a livello regionale”.

Con queste parole l’assessore regionale all’Ambiente, difesa del suolo e protezione civile della Regione Emilia-Romagna Paola Gazzolo commenta quanto detto oggi dal ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti a proposito della necessità di istituire un Centro meteo nazionale.

Secondo Gazzolo, la strada da percorrere è quella di un “sistema federato, in grado di far rete e con il concorso degli organi statali e delle Regioni”.
Il modello, secondo l’assessore emiliano-romagnolo, dovrebbe essere quello del Sistema di allerta nazionale per il rischio meteo-idrogeologico e idraulico, fondato sulla rete dei Centri funzionali della protezione civile.

“Quello che va creato – continua Gazzolo -  è un unico Servizio meteo pubblico nazionale che raccolga e metta a sistema i patrimoni meteorologici e climatologici delle Regioni e dello Stato, molto consistenti ma purtroppo troppo frammentati. Un Servizio dotato di autonomia scientifica, tecnica ed amministrativa che dovrà svolgere i compiti conoscitivi, tecnico-scientifici ed operativi nel campo della meteorologia e della climatologia e fornire informazioni e previsioni a tutte le Autorità ed ai soggetti pubblici interessati.”

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.