18 luglio 2017 - Forlì, Agenda, Spettacoli

Pieveacquedotto di Forlì: la musica senza confini del Trio Iftode

Serata tra melodie famose e aneddoti della Romagna

Giovedì 20 luglio 2017, alle ore 21, nello scenografico spazio attiguo all'antica Pieve di Santa Maria in Acquedotto, via Brunotto, Pieveacquedotto di Forlì, per la rassegna "Estate in musica 2017", il Trio Iftode terrà un concerto dal titolo "Musica senza confini". Verranno eseguiti brani di: Carlo Brighi (Zaclén), Secondo Casadei, Romolo Zanzi, Ferrer Rossi, Johann Strauss, Franz Lehàr, Vittorio Monti, Maurice Jarre, George Enescu, Johannes Brahms, Pietro Mascagni, Enrico Toselli, Ennio Morricone, Nino Rota. Durante il corso della serata Gabriele Zelli proporrà aneddoti divertenti sulla Romagna e i romagnoli, mentre componenti del Gruppo Astrofili Forlivesi mostreranno le meraviglie del cielo attraverso i loro telescopi. 

Durante il corso della serata sarà possibile visitare la chiesa recentemente riaperta al culto, dopo un importante intervento di restauro, e destinata ad attirare turisti alla ricerca di luoghi simbolo del nostro territorio, essendo un'antica pieve che sorge sul luogo, secondo la tradizione, dove passava l'acquedotto di Traiano, da cui il nome dell'edificio religioso e della frazione. La chiesa attuale è stata edificata nel XIII secolo sui resti di una più antica di origine bizantina e nell'aspetto riprende i motivi dello stile romanico lombardo ricordando, in alcune parti, l'abbazia di San Mercuriale. Il campanile ha una base quadrata e dalle linee generali sembra possa essere databile attorno all'anno mille, mentre le strutture superiori è probabile che risalgano alla fine del 1200. La bifora che lo caratterizza presenta elementi singolari: si tratta di una doppia colonna, in marmo greco, di cui una intrecciata intorno all'altra.

 

All'esterno, sul sagrato della chiesa, si trova una colonna di marmo grigio, di epoca romana, databile al IV secolo dopo Cristo. Non se ne conosce esattamente la funzione, ma sembra possa essere un segnale militare o più semplicemente, secondo alcuni studiosi, una pietra miliare che sorgeva sul corso della via Emilia. Spostata dalla sede originaria, venne capovolta e utilizzata per incidervi un'altra scritta. Quella originale risalente al periodo tra il 328 e il 332 è visibile ancora oggi nella parte bassa e fa riferimento all'imperatore romano Flavio Giulio Costanzo, meglio noto come Costanzo II, quella incisa successivamente, dopo il 350, fa riferimento all'aspirante imperatore romano Flavio Magno Magnenzio. Il tutto forma un monumento da conoscere e valorizzare e in questo contesto si inserisce l'inziativa di giovedì sera, promossa dalla parrocchia di Santa Maria in Acquedotto, dal locale Comitato di Quartiere e dall'Associazione Culturale di Pieveacquedotto.
Partecipazione libera. Per informazioni 3386462755.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.