10 luglio 2017 - Forlì, Cesena, Cronaca, Sanità

Vaccini, a Pesaro anche tanti forlivesi e cesenati per la libertà di scelta

Una marea arancione ha manifestato al Parco Miralfiore

Anche tanti forlivesi e cesenati – si stima più di 600 in tutto – hanno partecipato, sabato 8 luglio a Pesaro, alla manifestazione per la libertà di scelta in ambito vaccinale, in contestazione al decreto Lorenzin che impone 12 vaccinazioni obbligatorie per bambini e ragazzi dai 0 ai 16 anni. La manifestazione era organizzata da Comitato Salute e Diritti di Pesaro, Colors Radio, Il sentiero di Nicola, Comilva, Corvelva, , Rav Hpv, Vaccinare Informati, Auret, Condav.

Al Parco Mirelfiore hanno manifestato in maglietta arancione, il colore scelto per la giornata,  assieme ad oltre 12mila – secondo la Questura, ma gli organizzatori parlano di 40mila – persone provenienti da tutt'Italia, al grido di "libertà".

Sul palco, oltre al cantante Povia, il giornalista Gianluigi Paragone, il filosofo Diego Fusaro ("Lo Stato deve pensare all'interesse nazionale, non a quello delle multinazionali"), il giudice Ferdinando Imposimato (che ha puntato il dito sull'incostituzionalità del decreto), medici e tanti genitori che hanno portato la loro testimonianze rispetto alle reazioni avverse avute dai loro figli a seguito della vaccinazione.

Quasi due milioni di persone hanno seguito la diretta in streaming dell'evento, soprattutto da Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna e Toscana, e mezzo milione l'ha seguita dall'inizio alla fine.

Il decreto è ora in discussione in Senato e si prevede che sarà votato in settimana per poi passare alla Camera.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.