29 giugno 2017 - Forlì, Cesena, Economia & Lavoro

Cooperazione. Un terzo del fatturato in Italia è made in Emilia-Romagna

Domani a Bologna la Conferenza regionale del settore. In regione 5.137 imprese, 237.979 addetti nell'agricoltura, manifatturiero, sanità e nel welfare. Tra il primo trimestre 2016 e quello 2017 l'occupazione nel settore è aumentata del 4,5%

Bologna – In Italia oltre un terzo del fatturato del mondo della cooperazione, il 35 per cento, è made in Emilia-Romagna, regione dove le imprese cooperative, protagoniste tra mercato e solidarietà, sono oltre 5mila, occupano 238mila addetti rappresentando quasi il 15 per cento della forza lavoro emiliano-romagnola.

Questa fotografia del mondo cooperativo fa da sfondo alla Conferenza regionale della cooperazione incentrata sul tema “Le cooperative assicurano che nessuno resti indietro”. L’appuntamento è fissato per domani venerdì 30 giugno a Bologna, a partire dalle ore 10, nella sala polivalente della Regione in viale Aldo Moro 50. Ai lavori, presieduti dal professor Paolo Fava dell’Università di Bologna, interverranno Francesco Milza (in rappresentanza delle centrali cooperative Agci, Confcooperative, Legacoop e Unci), Marco Frey (presidente nazionale di Cittadinanzattiva e della Fondazione Global Compact Italia): la giornata sarà conclusa dall’assessore regionale alle Attività produttive, Palma Costi.
“La cooperazione- commenta l’assessore Palma Costi- poggia su una visione e un approccio culturale frutto di un sistema solido di valori e di un senso di appartenenza alla propria comunità o territorio di riferimento, visto non come un giacimento da sfruttare ma come patrimonio di cui prendersi cura. Responsabilità sociale e legalità da sempre fanno parte del Dna del mondo cooperativo, incorporati nei valori e interpretati come attivatori e moltiplicatori di crescita, sviluppo, occupazione e benessere diffuso. Tutto ciò dipende dal valore democratico della cooperazione: per questo è fondamentale mettere in atto azioni per contrastare qualunque forma di cooperazione illegale”.

 

Alcuni numeri

In Emilia-Romagna, dal 2011 al primo trimestre 2017 l'occupazione complessiva del sistema cooperativo, con 5.137 imprese, è aumentata del 3,6% ma, nello stesso periodo, il numero delle cooperative è diminuito del 4,1% per effetto di fusioni, accorpamenti e anche liquidazioni dimostrando la natura dinamica di questa forma d'impresa, protagonista tra mercato e solidarietà. Inoltre, tra il primo trimestre 2016 e il primo trimestre 2017, l'occupazione nelle cooperative, che conta complessivamente 237.979 addetti, è aumentata del 4,5%. Nella cooperazione sociale due terzi dell’occupazione sono femminili e l’80% degli addetti ha contratti a tempo indeterminato.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.