21 gennaio 2017 - Forlì, Cesena, Cronaca, Società

Solidarietà, tra allevatori, a Meldola 25 capi di bestiame trasferiti dalle Marche

La Centrale del Latte di Cesena si è resa disponibile al ritiro della produzione

MELDOLA / CESENA - Nella tarda serata di ieri 25 capi bovini provenienti dall’azienda agricola di Umberto Beccerica, situata a Gualdo in provincia di Macerata, sono stati ricoverati nella stalla di Roberto Ruffilli, a Meldola di Forlì, che non più tardi della mattinata di giovedì 19 gennaio aveva contattato l’Associazione regionale allevatori dell’Emilia Romagna (Araer) dichiarando di mettere a disposizione dei colleghi di Marche e/o Abruzzo che lo avessero richiesto fino a  200 postazioni per altrettanti capi di bestiame.

La macchina organizzativa per liberare le 70 vacche rimaste sotto il crollo della stalla di Umberto Beccerica, 55 bovine da latte e 15 soggetti da carne di razza Marchigiana, già gravemente danneggiata dal terremoto dell’agosto scorso e oggi praticamente crollata a causa delle ultime scosse di terremoto e del peso dei due metri di neve caduti, si è messa immediatamente in moto anche grazie al coordinamento scattato tra Araer e Aia (Associazione italiana allevatori) che ha favorito la massima sinergia operativa tra i Vigili del Fuoco, i Servizi veterinari locali e di Forlì, e i mezzi di trasporto che avrebbero caricato e trasportato il bestiame alla stalla di Roberto Ruffilli.

Purtroppo solo per 25 vacche è stato possibile procedere alle operazioni di trasferimento perché, per evidenti ragioni sanitarie, sono stati movimentati solo i soggetti che nel crollo del capannone non hanno subìto gravi lesioni fisiche.
All’indomani delle scosse di terremoto dell’agosto scorso, Umberto Beccerica era tra quegli allevatori in attesa di ottenere una nuova stalla.  Comprensibile quindi il suo dolore nel doversi allontanare, seppure temporaneamente, da una parte del suo bestiame.

Le 25 bovine trasferite nella stalla di Roberto Ruffilli sono tutte destinate alla produzione di latte e la Centrale del Latte di Cesena ha già dato la disponibilità al ritiro della produzione.

Difficile ovviamente stabilire per quanto tempo questo gruppo di animali rimarrà a Meldola prima di fare ritorno a Gualdo. 
Nel frattempo, l’allevamento di Roberto Ruffilli può ancora ospitare oltre 100 capi di bestiame proveniente da stalle crollate o particolarmente danneggiate, assicurando a questi animali la possibilità di continuare a vivere e ai loro proprietari di non vedere perduto il proprio patrimonio zootecnico.

 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.