17 gennaio 2017 - Forlì, Cesena, Cronaca, Cultura

Dopo il forfait a Forlì, Cesena pronta a ospitare l’incontro con Saviano al Teatro Bonci

Con il coinvolgimento di tutti i cittadini ma non alle condizioni della società organizzatrice

Dopo le polemiche che si sono susseguite per il previsto incontro dello scrittore Roberto Saviano con gli studenti forlivesi, il Comune di Cesena è pronto a ospitare un incontro con lo scrittore Roberto Saviano, con il coinvolgimento non solo delle scuole, ma di tutti i cittadini interessati, e per favorire la massima partecipazione è orientato a mettere a disposizione il teatro Bonci o, addirittura, il Carisport. 

Questo il tenore della risposta inviata a “Rapsodia – Libri Eventi”, agenzia specializzata in eventi letterari. Nei giorni scorsi Rapsodia,  che da anni collabora con il Comune di Cesena per l’organizzazione di rassegne come “La bellezza delle parole” e “Parole diverse”, aveva segnalato al Comune la possibilità di organizzare un’iniziativa con l’autore di “Gomorra”. Opportunità a cui l’Amministrazione  guarda con molto interesse, ma non alle condizioni proposte dall’organizzazione (le stesse che hanno suscitato polemiche roventi nella vicina Forlì , portando alla cancellazione dell’iniziativa) . Lo spiegano il sindaco Paolo Lucchi e gli Assessori Christian Castorri e Francesca Lucchi nella missiva inviata a Rapsodia. 

Di seguito il testo della lettera

 

Gentile Visconti,

         in relazione alla nota inviataci in data 11 gennaio scorso, le esprimiamo la nostra piena disponibilità a concretizzare l’organizzazione dei momenti di confronto proposti fra Roberto Saviano, i ragazzi delle scuole cesenati e la nostra cittadinanza. Riteniamo infatti che la possibilità di presentare il libro “La paranza dei bambini” - con il quale Saviano racconta ed illustra l’impatto della malavita e della camorra tra gli adolescenti –, rappresenti una significativa opportunità di approfondimento culturale che l’amministrazione comunale sente il dovere di sostenere, concedendo la disponibilità di utilizzo dei suoi spazi pubblici dimensionalmente adatti e più prestigiosi: il teatro “Bonci” o, in alternativa, il Palazzetto dello Sport.

         Cogliamo invece l’occasione per evidenziarle come la scrivente amministrazione comunale non condivida le altre condizioni da lei indicate ed in particolar modo l’obbligo di acquisto del libro da parte degli studenti che incontrano Roberto Saviano e la corresponsione di un cachet di 2.500 euro, inserendo la presentazione del libro nell’ambito della rassegna “Parole diverse”. Queste condizioni – prendendo atto delle quali, non possiamo negarlo, siamo stati colti da un moto di spiacevole sorpresa -, se confermate, porrebbero infatti in secondo piano quel desiderio di approfondimento culturale che ci sta più a cuore nel rapporto con la nostra città, per porre invece in luce una necessità commerciale che, ce lo permetterà, desta un evidente stupore.

         Certi della sua comprensione – e chiedendole di estendere le nostre considerazioni anche a Roberto Saviano stesso, riaffermandogli la nostra incondizionata stima – auspichiamo di poter ugualmente, fin da subito, dare seguito alle azioni necessarie per la realizzazione dell’evento.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.