5 novembre 2016 - Forlì

Dovadola: in località Trove sono iniziati i lavori di messa in sicurezza

Minacciata da una frana in seguito alle piogge del periodo febbraio-maggio 2015

Sono iniziati i lavori per la messa in sicurezza della località Trove di Dovadola minacciata da una frana che ha iniziato a muoversi in seguito alle straordinarie e ripetute piogge del periodo febbraio-maggio 2015. Dopo le prolungate indagini geologiche effettuate dagli esperti Carlo Fabbri e Flavio Savinelli, e grazie al supporto tecnico di Matteo Berti, professore associato presso il Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell'Università di Bologna, il progetto esecutivo approvato prevede la realizzazione di un primo lotto di lavori finanziato dalla Protezione Civile della Regione Emilia-Romagna. I 100 mila euro stanziati permetteranno di contenere il fenomeno di colamento del limo argilloso con la realizzazione di difese passive; che consistono nell'allargamento delle terrazze di contenimento alla base del dirupo, già in parte realizzate subito dopo l'avvio del fenomeno franoso in una situazione di emergenza, e nello svuotamento delle vasche realizzate con la funzione di filtro in quanto raccolgono il materiale limoso allo scopo di contenerlo, farlo decantare per impedire che raggiunga le aree cortilizie degli edifici attigui alla zona in questione.

 

A monte dell'area, invece, sono previste opere di modellazione e di profilatura dei terreni sconvolti dalla frana e interventi di ingegneria naturalistica; quali la idrosemina di essenze arboree a rapido accrescimento, in modo da creare rapidamente un tappeto erboso che garantisca l'impermeabilità del terreno, e la costruzione di palificate per ridurre il fenomeno regressivo di frana. Sul posto sta operando la ditta Giorgio Nanni di San Piero in Bagno, aggiudicataria dell'appalto.
"L'intervento in atto, che sta procedendo speditamente, dichiara l'assessore Marco Carnaccini, serve per contenere il dissesto in atto. Si tratta di "opere passive" che però non risolvono il vero problema. In base agli studi effettuati occorrerebbe realizzare interventi di carattere strutturale, come, ad esempio, dei veri e propri muri di pali infissi nella roccia che fungano da "diga" su tutto il terreno sovrastante. Lavori di tale portata sono molto costosi ed il finanziamento erogato non consente di attuarli".

 

"Pertanto verrà richiesto un ulteriore aiuto alla Regione Emilia-Romagna, sottolinea il vice sindaco Kabir Canal, come abbiamo anticipato all'assessore regionale competente Paola Gazzolo, in occasione dell'iniziativa benefica a favore dei paesi terremotati del centro Italia promossa all'inizio dello scorso settembre dalla Protezione Civile di Dovadola"

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.