4 novembre 2016 - Forlì, Società

Cooperative sociali: dalla Regione le linee guida sull'affidamento dei servizi

La presentazione del documento a Forlì in un incontro che si terrà il 10 novembre

Bologna- Fornire indicazioni operative chiare ai Comuni, ai relativi enti e aziende strumentali, agli stessi operatori economici, sulle procedure di affidamento ed erogazione dei servizi è lo scopo principale delle “Linee guida regionali sull’affidamento dei servizi alle cooperative sociali” approvate dalla Giunta regionale nelle scorse settimane. Il documento, che dà attuazione alla legge regionale n. 12 del 2014 sulla cooperazione sociale, è stato presentato oggi a Bologna in un seminario che si è tenuto in Regione. Quello di oggi è il primo dei quattro appuntamenti in programma (i prossimi si svolgeranno rispettivamente a Forlì il 10 novembre, a Reggio Emilia il 17, a Piacenza il 24). Scopo degli incontri di approfondimento sulle Linee guida è fornire le indicazioni operative alle stazioni appaltanti per la corretta interpretazione ed attuazione della legge regionale, ma – al tempo stesso – raccogliere le sollecitazioni e le osservazioni da parte delle Amministrazioni e degli operatori economici, alla luce della difficile fase di applicazione del nuovo Codice dei contratti pubblici.

 

“Siamo davanti a un grande salto di qualità- afferma la vicepresidente e assessore al Welfare, Elisabetta Gualmini-. Per la prima volta, recependo le indicazioni del nuovo codice degli appalti e delle direttive europee, le Linee guida promuovono un bilanciamento tra clausole ambientali e clausole sociali, cioè l'attenzione alla dimensione sociale deve far parte dei criteri di aggiudicazione della gara. È una rivoluzione copernicana, come ha detto Cantone, di qui in avanti il principio dell'economicità, pure fondamentale, può essere temperato dalla dimensione sociale. Le Linee guida- prosegue- illustrano poi alcune novità importanti come la coprogettazione e la negoziazione sempre nelle commesse pubbliche, metodi su cui come Regione continueremo a lavorare”.

Le Linee guida sono coerenti con legislazione nazionale, in particolare con il nuovo codice degli appalti e con le linee guida nazionali dell’Anac, l’Autorità nazionale anticorruzione, e hanno la peculiarità di soddisfare da un lato le esigenze dei Comuni, in qualità di stazioni appaltanti (l’Anci è stata tra i grandi promotori dell’iniziativa) fornendo loro uno strumento trasparente e di facile lettura, dall’altro la cooperazione sociale, che mantiene un ruolo strategico nel rispetto delle normative all’insegna della trasparenza in materia di affidamento dei servizi.

 

Il documento presentato oggi è il risultato dell’attività di un gruppo di lavoro specialistico ed espressione di tutti i soggetti, pubblici e privati, interessati dall’attuazione della nuova disciplina (Regione, Anci regionale, e Centrali cooperative maggiormente rappresentative), che si è istituito nell’ambito della Commissione consultiva sulla cooperazione sociale, prevista dalla nuova legge sulla cooperazione.

Una realtà importante la cooperazione sociale in Emilia-Romagna, in cui il protagonismo si è ulteriormente accentuato dopo l’approvazione della Legge regionale ed è in continuo sviluppo. Le quasi mille cooperative realizzano un fatturato che sfiora i due miliardi, grazie al lavoro di quasi 43mila addetti. Le aree forti della cooperazione sociale, tenendo conto della popolazione di riferimento sono, scendendo lungo la via Emilia, le città di Piacenza, Parma, Reggio Emilia e Modena, a cui si aggiunge l’area che unisce il faentino con il forlivese e la città di Rimini.
Nel 2014 (ultimi dati ufficiali), rispetto all’anno precedente, l’occupazione è aumentata del 4,3% , il fatturato del 2,3%, una crescita diffusa in quanto il 69% delle cooperative ha chiuso in utile.
Ogni quattro occupati tre sono di genere femminile, i contratti a tempo indeterminato rappresentano l’83% del totale. Quasi il 70% delle entrate deriva da convenzioni con il Pubblico e da corrispettivi per le attività prestate. /Ti. Ga.

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.