18 marzo 2016 - Forlì, Economia & Lavoro

Cgil e Cisl indignate per l'ipotesi di trasferimento della motorizzazione civile a Pievesistina

FORLÌ. FP CGIL e CISL FP ritengono inaccettabile la ventilata proposta di riorganizzazione che prevederebbe il trasferimento “in toto” dell'Ufficio provinciale di Forlì presso la sede territoriale di Cesena in zona Pievesestina.

L'ipotesi di dislocazione a Pievesestina, in locale ora in uso in condivisione con il CPA, creerà gravi ricadute sia per i lavoratori che per l'utenza stessa, che si troveranno costretti a peregrinare tra la sede della Motorizzazione a Cesena e gli uffici statali collocati tutti in centro a Forlì (Prefettura, Questura, Uffici giudiziari, ecc.)

Si vuole risparmiare i costi di locazione facendo aumentare le spese agli utenti ed ai lavoratori???

Riteniamo che vi siano soluzioni alternative che possano venire incontro alle molteplici esigenze: il trasferimento della sede della Motorizzazione presso altre sedi pubbliche esistenti nel Comune di Forlì, permetterebbe di risparmiare sui costi di locazione e di mantenere nel capoluogo l'attività in una sede ben servita dai mezzi pubblici, differentemente da quella di Pievesestina raggiungibile solo con mezzo privato.

Perché non si procede in tal senso???!!!!

Chiediamo come rappresentanti dei lavoratori di essere coinvolti in questi processi riorganizzativi che avranno, se attuati, grandi ripercussioni anche sul singolo cittadino che ha bisogno di rinnovare la patente, collaudare mezzi, sottoporsi agli esami per il conseguimento delle varie patenti di guida, ecc.

Crediamo inoltre che tutti i processi debbano necessariamente trovare un punto di condivisione con le esigenze dei lavoratori e soprattutto dei cittadini!

 

Le Segretarie FP CGIL – CISL FP – Comunicazione 

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.