24 novembre 2015 - Forlì, Economia & Lavoro, Società

Tangram e Il Cammino unite per costruire una struttura residenziale e diurna per disabili alla Cava

FORLÌ. Tangram e Il Cammino, che si occupano di disabilità da più di vent’anni, in sinergia con il Consorzio Solidarietà Sociale di Forlì-Cesena, oggi rappresentato dalla presidente Maurizia Squarzi, danno vita al progetto innovativo CavaRei per la costruzione di una struttura residenziale e diurna per disabili e di un parco pubblico nel quartiere Cava, in via Bazzoli a Forlì.

 

Il cantiere è appena avviato e la conclusione della prima parte dei lavori è prevista entro l’estate 2016.

Per il progetto sono stati coinvolti i soci delle cooperative, i lavoratori, gli utenti e le loro famiglie, il Comune di Forlì, la provincia di Forlì-Cesena e l’Azienda Sanitaria Locale anche a seguito del cambiamento di ruolo dell’ente pubblico in quanto cambia la modalità di fornire i servizi.

Per il parco è stata realizzata una progettazione partecipata con il quartiere, le scuole e gli interlocutori pubblici e privati del territorio che hanno contribuito alla definizione delle finalità e alla scelta degli elementi essenziali da realizzare nel parco.

Con CavaRei si amplia la gamma dell’offerta dei servizi alla disabilità, prevedendo un aumento in qualità e quantità delle attività produttive, educative in un contesto stimolante, socializzante e professionalizzante.

 

CavaRei è un luogo di inclusione ed integrazione reale delle abilità aperto alla cittadinanza.

La finalità sociale di questo progetto sarà inoltre amplificata dal fatto che la struttura è progettata con criteri di scelte a basso impatto ambientale e con un occhio di riguardo per quanto concerne il risparmio energetico.

 

Il parco pubblico sarà dotato di una innovativa pista ciclo-didattica a disposizione delle scuole per i progetti di sicurezza stradale. Grazie al sostegno dei privati, il parco sarà dotato di tecnologia avanzata, di video sorveglianza, filo diffusione e wi-fi libero.

Le prospettive si ampliano attraverso esperienze a livello nazionale ed internazionale che ci proiettano verso l’idea di una SMART CITY come luogo dove per tutti, non solo per la disabilità, si esprime una buona qualità di vita.

 

CavaRei accoglierà giovani disabili che non riescono ad avere accesso a contesti stimolanti, socializzanti ed occupazionali. Gli ospiti potranno raggiungere la struttura con i mezzi pubblici favorendo così la loro autonomia.

 

CavaRei risponde alle esigenze di oltre cento famiglie che attualmente frequentano i centri delle due cooperative.

 

Parallelamente verrà attuato l’inserimento lavorativo attraverso attività imprenditoriali generate all’interno dei laboratori. Saranno anche realizzati spazi per una nuova idea di residenzialità ispirata ai concetti di “sollievo alla famiglia” e “dopo di noi”.

La filiera di intervento che si andrà a creare diventerà estremamente interessante anche dal punto di vista della completezza dell’offerta per le famiglie che segnalano bisogni crescenti e sempre più complessi.

 

A disposizione una sala multi funzionale, di 180  mq, attrezzata con cucina e sala da pranzo per gli ospiti che all’occorrenza diventa luogo per incontri e relazioni. 

 

L’investimento complessivo sarà di circa 2.800.000, coperto per circa 2.000.000 da finanziamenti Foncooper a lungo termine e per la parte restante da capitale proprio delle 2 cooperative e da raccolta fondi.

Un progetto quindi molto impegnativo finanziariamente e questo è dovuto anche al fatto che una parte significativa dei costi previsti va ad aumentare il valore della realizzazione per la comunità: sala polivalente, parco attrezzato, costruzioni a basso impatto energetico e non invasive, sono elementi di un progetto che volutamente è stato pensato come di tutti e per tutti.

 

Per questo le cooperative contano sull’appoggio della cittadinanza e lanciano una campagna di raccolta fondi “Siamo tutti CavaRei” che permetta di raccogliere in 2 anni il 10% dell’investimento totale.

 

Già a partire da questo Natale e poi nel corso del 2016 sono previste varie iniziative che verranno pubblicizzate sul sito web (www.cavarei.it ) e sulla pagina Facebook dedicati al progetto.

 

I primi segni di apprezzamento da parte del territorio hanno già portato all’ottenimento di donazioni per un ammontare di circa 20.000 €. Si spera che questo sia l’inizio di una gara di solidarietà che supporti lo sforzo delle due cooperative.

 

Anche quanto emerso dagli interventi della conferenza stampa ha confermato il valore di Cavarei per la comunità. Il Prof. Luigi Croce, docente all’università di Brescia e responsabile delle ANFFAS nazionali durante il suo intervento ha sottolineato l’importanza dell’inclusione attraverso l’innovazione che il progetto intende portare alla città di Forlì. Rivolgendosi all’assessore presente, Raoul Mosconi, ha sottolineato l’opportunità che la città sta avendo grazie a questo progetto e che il Comune deve continuare a sostenere. L’esperienza internazionale acquisita dal Prof. Croce viene messa a disposizione per incentivare e promuovere gemellaggi con esperienze simili a livello europeo.

Il coinvolgimento del quartiere è avvenuto con “eleganza e compostezza” con queste parole si apre l’intervento di Giuseppe Bertolino, rappresentante della circoscrizione Cava, che ha ringraziato le realtà coinvolte nel progetto per aver scelto di includere il quartiere nella progettazione partecipata. Nei vari incontri i “cavesi” hanno espresso il loro interesse dando il loro contributo su quello che sarà l’utilizzo del parco. E’ nata in questi tavoli l’idea della pista ciclo didattica proposta dai rappresentanti delle scuole e progettata insieme alla polizia municipale di Forlì perché possa essere disponibile per tutti i progetti sulla sicurezza stradale.

 

Paolo Celli di Centrale Etica, riprendendo il pay off di Cavarei “Valori spazi persone” lancia la campagna di raccolta fondi “Siamo tutti Cavarei”. Il messaggio si rivolge anche a tutti i cittadini e non solo alle istituzioni perché possano essere coinvolti a sostegno dell’impegno finanziario delle due cooperative.

 

La campagna raccolta fondi è già partita da quasi un anno ed ha già suscitato l’interesse di partner importanti, come il Rotary e la Banca di Forlì.

 

I presupposti per un futuro possibile si sono delineati con Cavarei, conclude l’assessore al welfare del Comune di Forlì Raoul Mosconi.  Per l’assessore il progetto è collaborativo perché coinvolge il Comune, il Consorzio solidarietà sociale e le due cooperative; è social perché coinvolge quartiere, città e la comunità.

 

 

 

Consorzio Solidarietà Sociale Forlì-Cesena - Comunicazione

Scrivi un commento

Abbiamo bisogno del tuo parere. Nel commento verrà mostrato solo il tuo nome, mentre la tua mail non verrà divulgata. Puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo forum. Il contenuto dei commenti esprime il pensiero dell'autore che se ne assume le relative responsabilità non necessariamente rappresenta la linea editoriale del quotidiano online, che rimane autonoma e indipendente. I commenti andranno on line successivamente. L’Editore si riserva di cambiare, modificare o bloccare i commenti. E’ necessario attenersi alla Policy di utilizzo del sito, alle Policy di Disqus infine l’inserimento di commenti è da ritenersi anche quale consenso al trattamento dei dati personali del singolo utente con le modalità riportate nell'informativa.
24WEBTV: La Cronaca in Video Le storie della città in "diretta" sullo schermo.